.
contributo inviato da parteattiva il 18 novembre 2008

Il white collar crime è un reato inafferrabile, eppure molto pericoloso per la democrazia perchè corrompe il tessuto dei nostri rapporti sociali, dell’economia e del lavoro. Per smontarne i meccanismi, Pinotti e Tescaroli attraversano la storia più oscura del nostro Paese, raccontandone le vicende e interogando la memoria dei protagonisti. In questa intensa ricostruzione, le voci di grandi magistrati, tra cui Caselli, Ingroia, Di Matteo, Petralia, Gratteri, si intrecciano alle parole dei collaboratori di giustizia, da Buscetta a Brusca a Cancemi. Alle riflessioni dell’economista Loretta Napoleoni fanno da contrappunto il pensiero del banchiere Giovanni Bazoli, e del direttore di “Foreign Policy” Moisés Naìm. Il quadro che ne emerge è inquietante: è nella zona grigia il vero terreno della lotta per la legalità.








TAG:  PINOTTI  TESCAROLI  MAFIA  POLITICA  CONNIVENZE  COLLUSIONI  SERVIZI  DEPISTAGGI  CAPACI  D'AMELIO 

diffondi 

commenti a questo articolo 2
informazioni sull'autore
parteattiva
Vallo della Lucania
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
15 settembre 2008
attivita' nel PDnetwork