.
contributo inviato da Anpo il 12 novembre 2008
Il ministro Tremonti ha oggi affermato che chi fallisce se ne deve andare a casa o in galera. Beh che dire? Considerando che in pochi mesi di governo per ben due volte si è rischiato di approvare un mega indulto per i manager (la seconda volta esteso anche ai commissari  liquidatori) e che la riforma della legge fallimentare voluta dal centrodestra nel 2006 ha reso più facile per le aziende in crisi distrarre beni dal proprio patrimonio in danno ai creditori (infatti i tempi per l'esercizio della revocatoria da parte del curatore fallimentare sono stati dimezzati) credo ci sia almeno da dubitare di questo genere di annunci sparati  dal Ministro.
Tremonti dice che le obbligazioni che il Governo emetterà (con i nostri soldi) serviranno a garantire le bnche in cui sono depositati i risparmi degli Italiani. Con buona pace del sistema bancario, che certo bisogna tutelare, non era più semplice dare direttamente i soldi alle famiglie indigenti detassando le tredicesime come chiesto dal PD?
TAG:  TREMONTI  CRISI  BANCHE  RISPARMI  OBBLIGAZIONI  FAMIGLIE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork