.
contributo inviato da tizianafabro il 27 ottobre 2008

Diciamolo a cosa serve andare a scuola e studiare, sudare sui libri se poi sono altre le doti che ti servono, che so per diventare Ministro della Pubblica Istruzione?

La Gelmini sbaglia l'accento: egìda invece di egida



Se il disegno di questo governo fascista non fosse quello chiaro di smantellare la scuola pubblica a unico favore di quella privata possibilmente di quella dei preti, a scapito del diritto inalienabile di tutti di avere pari opportunità di istruirsi, ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate nel  vedere la Gelmini che mentre bacchetta gli insegnanti del sud, si scopre che per diventare procuratore legale ha addirittura cambiato residenza per poter sostenere l'esame a Reggio Calabria, invece che Brescia, perchè lì si passava sicuro senza magari nemmeno aver studiato. E mentre si giustificava dicendo che era stata costretta a fare così perchè doveva andare a lavorare per sostenere la famiglia, poverina, si scopriva che il papà era stato sindaco DC del suo paese.
Se il disegno di questo governo razzista non fosse quello di ghettizzare i bambini degli immigrati stranieri ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate nel vedere la saccente Ministra che mentre pretende di raccontarci come deve funzionare la scuola non sa nemmeno dove mettere gli accenti.  Chi le scrive i discorsi è avvisato, la prossima volta niente parole troppo difficili per la ministra della Pubblica Istruzione, tanto non servono!

TAG:  SCUOLA PRIVATA  MARIASTELLA GELMINI  SFASCIASCUOLA  SMANTELLARE LA SCUOLA PUBBLICA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
13 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork