.
contributo inviato da marco resistenza il 5 novembre 2008
Il trattamento di fine rapporto (TFR) era probabilmente il miglior strumento di investimento a favore dei lavoratori. Un fondo che maturava con un interesse fisso più una percentuale sull'inflazione. Oltre a questo permetteva alle PMI di autofinanziarsi. Con una presunta riforma questo strumento perfettamente funzionane è stato stroncato. La così detta riforma del TFR è stata caldeggiata dal governo che lo voleva incamerare nel suo disastrato sistema previdenziale, dalle banche che grazie ai loro giornali spingevano per far investire nei propri fondi pensione e non di meno dai sindacati che subito hanno sfiluppato appositi fondi pensione per non perdere la loro parte di guadagno nella lucrosa torta della previdenza integrativa.
Chi traeva svantaggio da questa riforma erano le imprese di medie e piccole dimensioni e i lavoratori. Lavoratori e piccoli imprenditori contro governo, banche e sindacati. Chi pensate abbia vinto? Esattamente, avete indovinato.
TAG:  TFR  IMPRENDITORI  BANCHE  SINDACAT 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 settembre 2008
attivita' nel PDnetwork