.
contributo inviato da Zadig il 9 ottobre 2008

La Corte Costituzionale ha bocciato i ricorsi di Camera e Senato che sollevavano un conflitto di attribuzione tra poteri dello stato in merito al caso di Eluana Englaro. I ricorsi, promossi dal Presidente del Senato Renato Schifani, chiedevano l'annullamento delle sentenze che autorizzano l'interruzione del trattamento che tiene in vita la ragazza.

I fondamentalisti cattolici si erano mossi dopo il pesante intervento di Monsignor Rino Fisichella: "Spero in un ricorso presso una corte superiore al fine di ragionare con maggiore serenità e meno emotività". Così la maggioranza di centrodestra ha pensato bene di cavalcare la tigre, inventandosi una presunta invasione della Cassazione nella sfera del potere legislativo: una paradossale quanto vergognosa ammissione di colpa per non aver legiferato sulla materia.

La bocciatura dei ricorsi è una buona notizia per il padre di Eluana e per quanti hanno appoggiato la sua battaglia, è pessima per i vari teocon che li hanno votati. Ma non è una buona notizia nemmeno per i teodem che hanno costretto il PD a non partecipare alla votazione. Binetti e soci hanno fatto fare una pessima figura al partito di Veltroni che è apparso, come minimo, incapace di scegliere.

La strada che devono percorrere Beppino  e Eluana Englaro è ancora lunga e irta di ostacoli. Ma oggi c'è una speranza in più, che deriva dalla conferma che l'Italia è ancora uno stato di diritto.

 

La foto di Beppino Englaro è pubblicata on line da Repubblica.it 

 

TAG:  EUTANASIA  VATICANO  SCHIFANI  ELUANA ENGLARO  RICORSI  BEPPINO 
Leggi questo post nel blog dell'autore Zadig
http://Zadig.ilcannocchiale.it/post/2051210.html


diffondi 

commenti a questo articolo 3
informazioni sull'autore
Zadig
Follonica
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork