.
contributo inviato da meltemi il 25 settembre 2008

Dopo la titanica fatica di regalare Alitalia ai suoi amici "capitani coraggiosi" accollando ai contribuenti i tre miliardi di debiti della compagnia, il Cavaliere compie un'altra impresa a spese del popolo italiano.

Oggi la Telecom ha annunciato al mercato un possibile aumento di capitale riservato ai "libici". Poche settimane fa il nostro amatissimo premier aveva regalato miliardi di euro a Gheddafi per "fare la pace", chiudendo lo storico contenzioso con la Libia. Naturalmente i miliardi non erano suoi ma del popolo italiano. In cambio Gheddafi dà una mano a Telecom (si parla di 3-4 miliardi, che sono sempre noccioline rispetto ai 36 miliardi di debiti della società telefonica).

Ovviamente i soldi finiranno nelle tasche dei soci forti di Telecom: Banca Intesa, Generali e  Mediobanca, dove lo stesso Berlusconi, attraverso Fininvest, ha una consistente partecipazione ed ha piazzato nel CdA la figlia Marina. Conflitto d'interessi? Macchè, è la dimostrazione che Berlusconi è un grande statista e un grande imprenditore. In nome e con i soldi del popolo italiano.


TAG:  BERLUSCONI  GHEDDAFI  TELECOM  FININVEST  MEDIOBANCA 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
commento di COMPAGNO RENATO inviato il 25 settembre 2008
Non esprimo il mio giudizio vedendo questa faccia!
Avrà parlato di tutto e avrà sicuramente fatto affari per lui e i suoi discepoli,ma statene certi non ha fatto gli interessi di noi italiani!
Tra l'altro gli sbarchi sono pure aumentati!
Penso che l'accordo fatto è il contrario di quello annunciato,la prova è nei fatti.
C.R.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
9 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork