.
contributo inviato da simon.36 il 1 settembre 2008
Anche i commercianti ambulanti che operano ad Aosta devono rispettare le regole della raccolta differenziata. A controllare che non vengano lasciati rifiuti alla fine del mercato in piazza Caduti dei Lager nazisti, del martedì e del sabato saranno gli agenti della Polizia locale.
Nei prossimi giorni tutti gli esercenti saranno ufficialmente informati tramite una lettera firmata dagli assessori Delio Donzel, all'ambiente e Bruno Giordano, alle attività produttive: «da diversi anni, l'Amministrazione comunale consegna, tramite la ditta incaricata, alcuni sacchi per la raccolta dei rifiuti indifferenziati e per la plastica ad ogni postazione commerciale - scrivono Donzel e Giordano - purtroppo abbiamo constatato che parecchi commercianti spesso non sono molto attenti nell’utilizzare i sacchi ed abbandonano rifiuti sul suolo pubblico, in particolare sacchetti di plastica e imballi che si disperdono nelle zone limitrofe, comprese le aree private».
Chi non rispetterà le disposizioni, clienti compresi, verrà multato con una sanzione di cinquanta euro: nelle intenzioni dell'Amministrazione comunale anche l'installazione di alcuni cassonetti che, durante il mercato, permetteranno di differenziare i rifiuti.

In futuro, a supporto dei banchi per la vendita di alimentari, saranno create anche delle colonnine di distribuzione di acqua e corrente elettrica: una volta avviate le nuove disposizioni per il mercato del martedì e del sabato, queste potrebbero essere estese anche ai mercati rionali di viale della Pace, quartiere Dora e via Volontari del Sangue.

Fonte: www.12vda.it

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Da noi (La Spezia) invece com'è la situazione?!? Beh direi decisamente diversa....
Il mercato del venerdì in viale Garibaldi lascia il segno, nel senso che finito il mercato sul suolo viene abbandonato di tutto. E pensare che gli scarti sono generalmente carta/cartone e plastica, difficilmente gli imballaggi sono fatti di altri materiali.
Purtroppo però non viene fatta nessuna raccolta differenziata, e pensare che basterebbe seguire l'esempio di Aosta...

Per quello che riguarda il mercato sito in Piazza Cavour, rinominata appunto piazza del Mercato, la situazione è ancora peggiore! Li che gli scarti sono in prevalenza di tipo organico succede di tutto!
In tutta la piazza sono predisposti moltissimi cassonetti per la raccolta dell'organico ma dentro vi finisce di tutto.
A questo punto verrebbe da chiedersi se l'Acam è a conoscenza di questa situazione, bene lo sanno ma nessuno fa niente per porvi rimedio!!! Per assurdo quei cassonetti sono solo ad uso degli operatori della piazza ed i cittadini non potrebbero usarli per conferire i loro rifiuti organici...
Assurdo...non fosse altro che in tutta la III circoscrizione non ci sono altri cassonetti per l'organico!
Alla fine facendo un veloce riassunto, in tutta la circoscrizione i cassonetti per l'organico sono solo in piazza Cavour ma i cittadini non li posso usare e dentro ci viene buttato di tutto...no comment.

Tutto questo è normale?

Ultima cosa, non sarebbe male se il comune in accordo con gli operatori della piazza riuscisse a organizzare l'utilizzo di cassette in materiale plastico a pareti abbattibili riutilizzabili centinaia di volte in modo da limitare gli scarti creati ogni giorno.
TAG:  RACCOLTA DIFFERENZIATA  MERCATO  LA SPEZIA 
Leggi questo post nel blog dell'autore ecopd
http://ecopd.ilcannocchiale.it/post/2009771.html


diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
9 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork