.
contributo inviato da simon.36 il 21 agosto 2008

Raccolta differenziata dei rifiuti

 

ARCOLA scala la classifica dei Comuni  più “ricicloni” della provincia.  E’ infatti salita al terzo posto, con una  percentuale del 25,99 di raccolta differenziata,  subito dietro i Comuni di  Sarzana e Deiva Marina.  Questo risultato è il frutto di un  Nuovo sistema di calcolo determinato  Dalla Regione che, di fatto, determina  un abbattimento delle precedenti  performances di oltre cinque punti  percentuali,.«Si conferma comunque  un impegno sempre forte dell’Amministrazione  Comunale, che non si  vuole fermare – dice il sindaco Livio  Giorgi– ma è chiaro che c’è bisogno  di un maggiore impegno da parte di  tutti i soggetti a vario titolo interessati,  dalla Provincia, al Comune, al gestore  Acam ambiente soprattutto ed  anche dei cittadini.»  Arcola pensa che si possano raggiungere  importantissimi risultati,  principalmente, attraverso tre azioni.  La prima è l’adesione, insieme ad altri  Comuni della Val di Magra (Ameglia,  Sarzana, Ortonovo, Lerici, Vezzano e  S. Stefano Magra), quale capofila, al  progetto“compost.com”, un progetto  che ha come obiettivo prioritario il recupero della frazione umida dei rifiuti  domestici, elemento indispensabile  per ottenere importanti risultati in  termini qualitativi e quantitativi nella  raccolta differenziata. Arcola ha voluto  che il progetto “compost.com” si  inserisse nella raccolta differenziata  porta a porta che vede già coinvolte le  frazioni del Piano di Arcola, di Baccano  e di Monti e Fresonara. IL progetto  vedrà coinvolti i cittadini delle  zone di Masignano e Pietralba (per un  totale di circa 400 unità familiari), i  quali verranno opportunamente contattati e dai quali verrà consegnato un  kit di materiali, tra i quali anche una  compostiera.  Sarà inoltre estesa la raccolta differenziata nelle  zone collinari di Cerri e  Trebiano (e case sparse) con il coinvolgimento  di ulteriori 400 unità familiari.  Infine sarà effettivamente avviato  il centro di conferimento dei rifiuti  nel sito di Bardiano che dovrà  servire le sole utenze domestiche e  nel quale i cittadini potranno e dovranno  portare i rifiuti ingombranti  in un’area attrezzata, dove è prevista  dal Regolamento comunale la possibilità  di realizzare l”ecoscambio”.  Restano comunque alcune linee  d’ombra nel servizio di raccolta rifiuti  sul territorio arcolano. A segnalarle il  sindaco, che intende avviare quanto  prima un tavolo di confronto con i  vertici Acam. «Soffriamo, soprattutto  ora nella stagione estiva – incalza  Giorgi per  una scarsa pulizia  delle piazzole e per un inefficace lavaggio  dei cassonetti. Ho intenzione  di chiedere ad Acam l’interramento  dei cassonetti nelle aree urbane e una  loro riduzione lungo le grandi arterie  di attraversamento del nostro Comune,  per non farli diventare punto  di raccolta dei rifiuti per cittadini o turisti di passaggio  ». A questo proposito  il sindaco ha già sollecitato un incontro  con il nuovo amministratore di  Acam, Ivan Strozzi.       

Secolo XIX – 19/08/08 – pag. 25

Link: clicca quì.
 
---------------------------------

E Vezzano Ligure dov'è???

Vezzano è solo al 12° posto con un misero 20,52 % staccati di un punto abbondante dal comune di Bolano. Quasi ridicolo il confronto con Deiva Marina che ha raggiunto il 42,52% di raccolta differenziata, una cifra che noi vezzanesi neanche immaginiamo!
Il problema è che l'amministrazione non fa niente per cercare di incrementare queste percentuali, speriamo che con lo stanziamento dei soldi da parte della regione si avvii qualche nuovo progetto, attendiamo con speranza...

TAG:  VEZZANO LIGURE  RACCOLTA DIFFERENZIATA  ACAM 
Leggi questo post nel blog dell'autore ecopd
http://ecopd.ilcannocchiale.it/post/2001128.html


diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
9 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork