.
contributo inviato da djazz il 7 agosto 2008
 L'esempio di Paolo Ravasin: Il testamento biologico è utile proprio a chi volesse compiere, in caso di coma irreversibile o di accanimento terapeutico, scelte diverse da quella di Eluana o di Piergiorgio.

di Gianfranco Spadaccia.

Mentre si annuncia una nuova offensiva contro il diritto di autoderminazione del malato nello scegliere la propria cura e il modo più dignitoso e meno doloroso per affrontare la fine della propria vita, da una parte alcuni giudici, basandosi sulle leggi esistenti, e dall'altra molti malati - appellandosi alle stesse norme - hanno individuato la strada per impossessarsi di quel testamento biologico che finora il Parlamento ha loro negato.
A migliaia, utilizzando il sito della Associazione Luca Coscioni e avvalendosi dei consigli e delle indicazioni del portale del sito lucacoscioni.it "Soccorso civile" o dei moduli forniti da altre associazioni, hanno sottoscritto in pochi giorni le proprie "direttive anticipate" in caso di infortuni imprevisti che producano un coma irreversibile o in caso di prevedibilissime evoluzioni della loro malattia, designando contemporaneamente una persona di fiducia per assicurarsi che siano rispettate. Il nostro compagno Paolo Ravasin ha ritenuto di affidare a un video - trasmesso anche dal sito di Repubblica e ripreso dalla stampa nazionale - la propria volontà di non essere sottoposto a interventi di alimentazione artificiale nel momento in cui la sua SLA gli impedirà di alimentarsi naturalmente. Va dato atto al notariato di aver messo a disposizione gli studi notarili per attestare e raccogliere queste dichiarazioni di volontà.
Noi ci auguriamo che questo esempio sia seguito dal maggior numero possibile di persone e non soltanto dai malati. Negli Stati Uniti d'America, come ci ha ricordato più volte Ignazio Marino, le direttive anticipate sono contenute nella tessera sanitaria magnetizzata insieme al proprio gruppo sanguigno.
E' un consiglio che rivolgiamo a tutti. Non solo perché ciascuno di noi è soggetto al rischio di gravi incidenti imprevisti. Non solo per mettere le forze politiche davanti ad un sentimento diffuso e a una vasta gamma di manifestazioni di volontà. Ma perché è l'unico modo di impedire che siano altri a decidere per noi, contro la nostra volontà.
A tutti. E quindi anche a coloro che ritenessero di dover manifestare volontà diverse od opposte rispetto a quelle manifestate da Piergiorgio Welby, da Giovanni Nuvoli, di Eluana Englaro. Nella nostra associazione ci sono altre persone che hanno compiuto scelte diverse ed optato consapevolmente e liberamente per l'alimentazione artificiale o per l'ausilio delle macchine.
Solo una campagna condotta all'insegna del fanatismo, dell'intolleranza, della mancanza di carità può infatti far ritenere che siano a confronto su questi temi un partito della vita contrapposto a un partito della morte. Ciò che è in gioco è la libertà della persona e il suo diritto di autodeterminazione che non possono venire negati proprio nel momento più delicato della nostra vita, quello che ci avvicina alla sua fine.
Libertà della persona (uso volutamente questa espressione cara al personalismo cristiano) e diritto di autoderminazione non valgono a senso unico, sono tali proprio per assicurare la possibilità di consapevoli scelte diverse. E proprio a coloro che volessero compiere, in caso di coma irreversibile o di accanimento terapeutico determinato dal funzionamento di una macchina, scelte diverse da quella di Eluana o di Piergiorgio, proprio ad essi diciamo: mettete per iscritto le vostre volontà, e affidatele al controllo di una persona di vostra fiducia, non affidatevi alle scelte delle strutture sanitarie, non lasciate che le decisioni siano prese sopra la vostra testa. Quella dei trattamenti di fine vita è infatti una zona opaca, sulla quale non a caso la maggioranza del Parlamento non ha voluto compiere alcuna inchiesta, nonostante indagini demoscopiche condotte in forma ovviamente anonima ma con criteri scientifici abbiano autorizzato il sospetto del ricorso a forme di eutanasia clandestina, più diffuse di quanto si possa pensare, in quella vasta zona d'ombra che è caratterizzata dalla solitudine, dal disinteresse e dall'anonimato. Uno Stato che scelga di imporsi con violenza contro la libertà della persona e il suo diritto di autodeterminazione non può costituire una garanzia per nessuno. La violenza non è mai a senso unico esattamente come non lo è la libertà di scelta.

www.lucacoscioni.it

TAG:  ELUANA  VESCE  EUTANASIA  ACCANIMENTO TERAPEUTICO  TESTAMENTO BIOLOGICO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di francismus inviato il 13 settembre 2008
Siamo allla tristissima situazione di -succube stato in despota chiesa-, grazie alla indifferenza di un po' tutta la classe politica (dx e sx) verso i temi ed i problemi concreti dei cittadini. Uno Stato Democratico non Deve Mai tollerare che altri esterni gli pongano condizioni e gli dettino leggi. Meno che mai da parte di rappresentanti di una religione i cui fondamenti, a causa delle continue acquisizioni di CONOSCENZA da parte della Scienza e della Soria, sono sempre meno credibili. Chi ancora crede in certi "sadici dei" è padronissimo di continuare a soffrire ed a far soffrire i congiunti INUTILMENTE, ma chi, come me, sa (conosce non crede di conoscere) che è nato perchè sua madre ha avuto un rapporto sessuale non protetto nei suoi giorni fertili, deve rimanere padrone di poter gestire la SUA VITA e, quando si trova nelle condizioni di Piergiorgio, di Giovanni, ed ora di Eluana, deve poter chiedere ad un ONESTISSIMO E CORRETTISSIMO MEDICO, di "spegnergli dolcemente la luce". Questo è un SACROSANTO DIRITTO di ogni persona, ed uno Stato Democratico gliene deve consentire l'esercizio, così come deve consentire agli omosessuali (diritto a vivere la propria sessualità) il diritto di poter contrarre un regolare "contratto di matrimonio"
Francesco Musso
commento di grandmere inviato il 7 agosto 2008
Ritengo sia un diritto poter scegliere nel rispetto delle convinzioni individuali e dei principi che hanno improntato tutta l'esistenza
informazioni sull'autore
clclclc
Berlino
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork