.
contributo inviato da agostinonavarro il 28 luglio 2008

Pochi giorni fa, il 25 luglio di preciso, ad un anno dalla denuncia presentata ai Carabinieri da un commerciante di Volla vittima degli usurai, sono avvenuti ben 17 arresti di uomini ritenuti vicini ai clan camorristici della zona.
L'usura consiste nello sfruttare il bisogno di denaro altrui per procacciarsi un guadagno illecito. Alla base di un rapporto usuraio c'è sia la necessità di denaro e sia un'offerta che può apparire come un'immediata possibile soluzione per chi si trova in difficoltà. L'usura concretamente sia ha con la concessione di un prestito ad un tasso d'interesse superiore al cosiddetto "tasso soglia" che si calcola aumentando del 50% il tasso medio rilevato ogni tre mesi dal Ministero dello Sviluppo Economico.
La nuova frontiera dell'usura è rappresentata dall'attività di organizzazioni criminali che, agendo attraverso soggetti indispensabili come commercianti, commercialisti e professionisti, concedono prestiti a singoli, a famiglie e a tante medie o piccole aziende in difficoltà finanziarie per riciclare il denaro ed estendere il proprio controllo sul tessuto economico del territorio.
Di fronte all'aggravarsi del “fenomeno usura” il Parlamento ha approvato la legge 108/96 che ha meglio definito il reato di usura inasprendo le pene per chi lo commette e prevedendo il sequestro e la confisca dei beni dell'usuraio.
Al prossimo Consiglio Comunale effettuerò un'interpellanza al Sindaco per conoscere cosa intende fare l'Amministrazione sul “fenomeno usura” che risulta particolarmente significativo viste le conseguenze negative che comporta in termini di “freno” alla crescita economica e quindi al benessere della nostra comunità cittadina avente un'economia prevalentemente basata sul commercio.
Io qualche piccola proposta la inizio ad avanzare anche su questo blog:
1) promuovere la nascita a Volla di un'associazione o di una fondazione antiusura che, potendo attingere dal “Fondo di prevenzione all'usura”, potrà costituirsi garante di tutti quei commercianti che hanno esigenze di ottenere un prestito dalle banche o dalle finanziarie;
2) invogliare l'adesione dei commercianti locali a quelle associazioni di categoria disponibili ad effettuare mediazioni tra le esigenze economiche dei commercianti iscritti e quelle dei potenziali creditori e delle banche;
3) pubblicizzare tutte le agevolazioni a cui hanno diritto le attività artigianali in merito a richieste di denaro;
4) individuare nella pianta organica dell'Ente un legale addetto all'assistenza del cittadino che intende avanzare alla Prefettura una domanda di accesso al “Fondo di solidarietà” finalizzata all'ottenimento di un prestito senza interessi (per coloro che subiscono usura).

TAG:  GIOVANI  CARABINIERI  ENTI LOCALI  VOLLA  CONSIGLIOCOMUNALE  USURA  USURAI  GIOVANIAMMINISTRATORI 

diffondi 

commenti a questo articolo 6
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork