.
contributo inviato da valeriopieroni il 12 luglio 2008
Il PD aveva un'unica chance alle scorse elezioni politiche. Era quella di tenere con forza la barra sulla direzione che aveva scelto all'inizio: di andare completamente da solo, per far entrare in parlamento solo una sinistra finalmente moderna, riformista, occidentale e libera dall'antiberlusconismo ideologico. Invece non ce l'ha fatta, preferendosi imbarcare (e salvare dall'oblio) un partitino che fa della demonizzazione politica il suo cavallo di battaglia, proprio come i compagni comunisti che abbiamo scaricato.

Quindi ora resta da capire cosa fare per superare indenni questi 5 anni che ci attendono di opposizione e se conviene o no iniziare un percorso di avvicinamento e di alleanza con l'UDC, l'unico partito con cui condividiamo il metodo politico di fare opposizione (oltre che molte altre cose...).

A queste domande ha dato oggi una sua risposta Francesco Rutelli,
all'assemblea di Glocus che si è svolta a Montecatini Terme.

Vi riporto alcuni brani del suo intervento:

- Le alleanze di nuovo conio
Alleanze di nuovo conio per il Pd, ma serve che prima si definisca il nuovo conio, e conseguentemente vengano le alleanze. Sarà più facile su questa base scegliere, sia per gli alleati che e per gli elettori. In queste elezioni il Pd che è andato 'libero' ha recuperato voti a sinistra e nemmeno uno in tutti gli altri territori, e quelli non sono voti a vita: dobbiamo essere consapevoli che il voto utile dello scorso 13 aprile non sarà necessariamente considerato tale nei prossimi appuntamenti elettorali. Ciò rende indispensabile costruire una nuova fisionomia del Pd, che sia capace di parlare alla totalità dell'elettorato”.

“L'accordo Pd-Idv è sostanzialmente entrato in una fase di difficoltà: non sfugge a nessuno di noi che il compito del Pd è anche quello di riformulare alleanze perché siano durature, e non alleanze elettorali di cui pentirsi. Il collante del centrosinistra non può più essere l'antiberlusconismo, ma allo stesso tempo deve concludersi la fase politica dove l'unica cosa di cui sembra che ci occupiamo è 'dialogo sì, dialogo no', perché in questo caso è sempre Berlusconi che comanda. E' fisiologico nell'avvio di una legislatura, ma il compito del Pd è fare incursioni, sfondamenti, avere la capacità di formare l'agenda del nostro Paese”.

- Sicurezza:
Non si può continuare a parlare dello scarto fra la percezione e la realtà in materia di sicurezza, perché la percezione paura dei cittadini è una cosa reale. Che centrosinistra è uno che non si rende conto che il suo dovere è tutelare le persone comuni? Quando si parla dell'alimentare la paura, non possiamo continuare con la storia della differenza fra percezione e realtà, perché la percezione della paura è realtà”.

“Il Partito Democratico deve essere al 100% credibile sui temi della sicurezza, perché è insopportabile che quando qualcuno del Pd parla di sicurezza ci sia qualcuno che si alza e dice 'non vi affannate a fare la brutta copia della destra'. Questo mi fa impazzire. Come se il fatto di aver misurato nei quartieri popolari il sentimento che ha portato a votare a destra perché nei palazzoni delle periferie hanno sperimentato il furto dei vasetti del basilico e dei panni stesi alla finestra, fosse un tema di destra”.

- Il futuro ruolo del Partito Democratico:
Il Pd deve proporre all'Italia la propria agenda altrimenti verrà meno il motivo per cui lo abbiamo creato e rimarrà minoranza stabile. Per quindici anni è stato Berlusconi, che fosse al governo o all'opposizione, a dettare l'agenda sostanziale dell'Italia. Il Pd è nato proprio per dare la propria agenda all'Italia e conquisterà la maggioranza degli italiani non per il fallimento degli italiani non per fallimento di Berlusconi ma perchè le sue idee e la sua agenda vengono condivise dalla maggioranza degli italiani. Il PD deve attendersi di avere un dissenso davanti a se’, deve far discutere, non deve aspettarsi autostrade spianate. In sostanza serve una fase in cui si sarà in minoranza nel paese, ma occorre accettare che in una fase iniziale si perdano consensi, con l'obbiettivo di conquistarne nell'altro campo e nella società vasta”.


Si è parlato anche dell’opportunità di introdurre il sistema elettorale alla tedesca, ossia, un sistema proporzionale con sbarramento del 5%. Garantisce la governabilità ed è chiaramente un sistema bipolare: in 50 anni ha dato alla Germania governi stabili di centrosinistra o centrodestra; invece in circostanze eccezionali, come l'attuale, ha confermato la sua efficienza attraverso grandi coalizioni.

 

Infine segnalo l’interessante proposta di Lusetti: quella di sperimentare l’alleanza con l’UDC a partire dalle amministrative del 2009.

Condivido.

TAG:  RUTELLI  AGENDA POLITICA  PARTITO DEMOCRATICO  NUOVE ALLEANZE  SICUREZZA  LEGGE ELETTORALE  UDC 

diffondi 

commenti a questo articolo 42
commento di antoniop inviato il 14 luglio 2008
PS Beato te che stai ad Amsterdam :)
commento di antoniop inviato il 14 luglio 2008
FrancoOlanda coraggio, siamo un partito plurale e ognuno può esporre la visione che ritiene più costruttiva per il Partito (e per se? ...) però dobbiamo essere noi, la base, a farci sentire. Email, andiamo nei circoli, l'atteggiamento che hai tu e altri qui dentro: se fa così non lo voto più! - pensate che serva a qualcosa? Può essere la base per l'alternativa futura a questo governo? Suvvia, un po' più di raziocinio e combattività.
commento di FrancoOlanda inviato il 13 luglio 2008
Rutelli ancora una volta si dimostra un pessimo dirigente nel PD. Non ha capito che a Roma ha perso per esattamente questo tipo di affermazioni? Io penso che la grande maggioranza nel PD non vuole aver che fare con l' UDC e i suoi corrotti Cuffaro e altri.

Io speravo che il PD si orientava ai partiti di Blair/Brown, Zapatero, Schröder e i socialdemocratici della Scandinavia.

Fin adesso il PD con la sua parte Margheritiana é solo una bella dilusione.

Nel PD vi allontanate da Di Pietro per avvicinarvi all' UDC? Io e tutti i miei andremo con Di Pietro.

Buona Fortuna con questa Strategia che vi porta a destra e rafforza i dubbi nei elettori che ancora non hanno capito l' anima di questo partito.
commento di stagioni inviato il 13 luglio 2008
Scusa valeriopieroni ma già il titolo del post fa "incavolare"(??).
"Rutelli detta la nuova agenda politica che il PD dovrà seguire".
Quindi : Rutelli detta , D'Alema detta , Parisi detta , ecc. ecc.
Ormai è "il nuovo sport nazionale" , tutti a farsi la fondazione, l'associazione , la corrente, la deriva, la messa in piega,ecc.ecc. Tutto da ridere.Quanti generali. E l'esercito cioè noi solo a fare "massa di manovra" al servizio dei "generali"?
Tutti dettano,tutti dicono e "a lavorare" per il PD e per il Paese chi ci rimane?
Non hanno proprio imparato un ........o forse pensano di aver imparato troppo.
commento di arma49 inviato il 12 luglio 2008
vedo con dispiacere che non sai solo parlare della mia grammatica ma vado ad impare dal tuo amico di pietro ma non sei tu che dici che ti abbiamo deluso non voterai più per noi che siamo foglie morte
ti ricordo anche che per me non ci si deve preoccupare delle allenze bensi delle politicheda offrire per "rassicurare gli italiani " e fare circolare il pluralismo con i fatti e cercare attorno al nostro programma trovare come dicevo le allenze
con queste idee cerco di portare avanti il mio circola a milano non so te e ribadisco a fatto binissimo walter a predere le distanze dal tuo amico
p.s spero che sia stato chiaro con meno errori proff.
commento di joko inviato il 12 luglio 2008
Arma, so che nella tua grande lungiranza un'alleanza con l'UDC ti starebbe bene: ma sei tu un nemico del PD se la pensi così.
E impara a scrivere, che i tuoi interventi sono a livelli da asilo per quanto concerne la grammatica; per i contenuti, visto che non riesco davvero a capirti, giudicherò più tardi. Però non darmi del nemico del PD perché lo critico: meglio gente come me piuttosto quella alla quale anche l'alleanza suicida con l'UDC andrebbe bene, perché tanto "lo dice il partito".
Un saluto, Arma, e studia un po'.
commento di arma49 inviato il 12 luglio 2008
con rammarico vedo che i nemici del pd sono ancora qui ma joko non eri andato con di pietro credevo di essere tra amici del pd ma vedo che oramai questo forum e invaso da extra sinitrotti che hanno perso
e girotondini insultanti certo un congresso e utile ma non si puo arrivare con gli insulti io ritengo invece che il sistema tedesco vada bene cero dovreb be predere una inziativa valida per il continuo di questa legislatura con proposte concrete e coerenti su il futuro
commento di joko inviato il 12 luglio 2008
Certo che Rutelli ha un bel "coraggio", a mostrarsi ancora in giro e a dire certe cose: ma si è reso conto o no che è stata la sua persona a perdere a Roma e non il PD come partito?
Veltroni dovrebbe ridimensionarlo e subito, prima che faccia danni.
commento di stagioni inviato il 12 luglio 2008
E' arrivato "il messia".
Ci vuole "coraggio" a dire certe cose , infatti si chiamano "I Coraggiosi".

commento di antoniop inviato il 12 luglio 2008
Perdete anche l'elettorato progressista di sinistra che è convintamente dentro il partito... La DC di vecchio conio non la rifondo, non esiste proprio, attenti...
commento di joko inviato il 12 luglio 2008
Amico mio,
quel "dovrà" è completamente fuori posto: dovresti dire "potrà".
Si vede che non avete imparato la lezione: l'elettorato di destra il PD non lo fila, quello di centro puro se ne frega e resta solo quello di centrosinistra quello cui rivolgersi.
Seguite pure Rutelli - un uomo vincente: basta vedere come è stato bravo a Roma - e poi perderete l'elettorato di sinistra. A quel punto, fra voi e la DC non ci sarà alcuna differenza.
Buone cose.
commento di antoniop inviato il 12 luglio 2008
Tra l'altro, come la metti per quanto riguarda l'alleanza con gente del.. calibro di Totò Cuffaro? Cioè, meglio il suicidio guarda...
commento di antoniop inviato il 12 luglio 2008
Poi come la mettiamo con testamento biologico, pacs e simili dove già abbiamo raggiunto delicati equilibri all'interno? Non pensi che un'alleanza di centrosinistra-centro rischi di spaccare il partito?
Non credi che sistemi maggioritari in America, Inghilterra e 2000000 altri paesi funzionino forse anche meglio del tedesco?
Non pensi che un congressino su questo tema servirebbe?
Non credi che Rutelli (come anche altri politici) abbiano fatto il loro tempo?
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
5 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork