.
contributo inviato da Ethos il 20 giugno 2008
[ click ]

Il Ministro Tremonti sembra aderire con grande entusiasmo allo spirito di queste prime settimane di governo, secondo cui l'importante è stupire e colpire l'immaginazione più che risolvere i problemi.

Ma dopo settimane di propaganda sulla cosiddetta Robin Hood Tax
, l'innalzamento dal 27 al 33 per cento dell'aliquota sui profitti delle società petrolifere [pur accompagnata dalla patrimoniale imposta tramite una diversa regola per la contabilizzazione delle scorte di petrolio] non mi sembra meritasse tanto clamore. Rimane lo sconsiderato progetto di creare una Banca del Sud: si dice che sarà privata ma la si crea tramite un decreto ministeriale e con una dote di 5 milioni di denaro pubblico. I privati che vogliono creare una banca di solito si rivolgono alla Banca d'Italia per ottenerne l'autorizzazione, non al Governo per ottenere fondi pubblici.

Ma soprattutto si fa fatica a intravedere in questi provvedimenti una strategia a lungo periodo. Durante il precedente Governo Berlusconi la spesa pubblica aumentò, rispetto al Pil, di due punti. Prodi coprì quelle spese aumentando di due punti la pressione fiscale.

Il nuovo piano triennale sulle spese non crea spazi per una riduzione delle imposte e prevede che la pressione fiscale rimanga sostanzialmente invariata, a un livello che è oggi tra i più elevati d'Europa. Il taglio delle tasse è rimandato ai provvedimenti sul federalismo annunciati per l'autunno, ma come vi si farà fronte? A meno che Tremonti non pensi di accogliere il suggerimento implicito del governatore della Banca d'Italia di ridurre in modo radicale i trasferimenti alle regioni del Mezzogiorno che oggi valgono circa tre punti di Pil.

Link mapeffetto annuncio|filiera|aeroflop|infrazione|pressione mediale|33 € al mese
TAG:  GIULIO TREMONTI  BANCA DEL SUD  ROBIN HOOD TAX  FEDERALISMO  MEZZOGIORNO  TRASFERIMENTI  GOVERNO  CARTA PER I POVERI  CARTA PER I GONZI  TESSERA DEL PANE 
Leggi questo post nel blog dell'autore Ethos
http://Ethos.ilcannocchiale.it/post/1946517.html


diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
Ethos
S. Maria di Leuca
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork