.
contributo inviato da frapem il 17 giugno 2008
Ho già scritto in qualche recente intervento che se votassimo oggi prenderemmo meno voti del quattordici aprile, e l'odierno test elettorale mi dà ragione.
Non facciamoci illusioni, con questo andazzo le elezioni europee, e quelle amministrative che seguiranno, saranno altre batoste.
Berlusconi ha una maggioranza tale che può fare ciò che vuole, è inutile sollevare polveroni sui suoi provvedimenti ad personam, e comunque lasciamo questo compito ai nostri parlamentari.
Il Pd deve tornare a leggere il Paese, a dare voce al suo malumore, che è profondo, e più esplosivo di quanto si creda.
Bisogna radicare il partito sul territorio, raccogliere il malessere dei giovani precari, e dei lavoratori del centro nord, come dei dsoccupati del sud, delle donne escluse dal mondo del lavoro, degli artigiani e degli esercenti, e delle piccole imprese schiacciate dal fisco, e dalla burocrazia, del mondo dell'istruzione e della ricerca.
Sono queste le categorie che soffrono l'assenza dell'azione governativa, non da ora, ma da almeno un paio di decenni.
A questo popolo onesto e laborioso noi dobbiamo indicare i cinque cancri che hanno reso possibile il decadimento del nostro paese, e delle loro condizioni di vita:
1)Evasione fiscale, 200 miliardi di Euro l'anno
2)Costo dello stato, della politca e dei suoi privilegi, e dell'inefficienza della pubblica amministrazione 150 miliardi di euro all'anno.
3)Fatturato delle mafie  190 miliardi l'anno
4) Danni delle corporazioni per il mancato accesso nei loro comparti di migliai di giovani...
5)E nel caso delle corporazioni dei tanti sindacati: danni alle aziende pubbliche vedi Alitalia, e a causa della rigidità dei contratti, danni ai lavoratori delle aree più produttive perchè non possono battersi per  salari più alti, oltre ai privilegi di cui godono i sindacati stessi, come casta.
Sono questi i cinque cancri che per altro i cittadini conoscono molto bene, e per questi molti non vanno più a votare, e quelli che votano scelgono, non la destra, ma Berlusoni o la lega, cioè l'illusione, o l'egoismo della paura.
Impariamoli a memoria questi cinque cancri.
E riflettiamo come sconfiggerli.
Dobbiamo sapere che la medicina sarà forte, e potrà avere anche effetti collaterali, perchè la camorra e la mafia non si distruggono a parole, perchè l'evasione fiscale non si recupera non violando la "privacy", perchè i costi della politca ed il suo sistema cinico e perverso non si riducono senza rinunciare a moltissime poltrone e poltroncine, e ai privilegi, perchè i sindacati non si riformano non abolendo la microrappresentatività corporativa, perchè le corporazioni non si sciolgono con il dialogo.
Perchè gli aumenti salari non si ottengono per il buon cuore del padrone.
Capisco che siamo stanchi e depressi, molti sono attorno alla sessantina, è pertanto necessario che si muovano le generazioni più giovani.
L'aiuto che può dare la vecchia guardia di sinistra, laica e cattolica, è abbandonare la nostalgia del tempo che fu, e ritrovare unità e slancio per accompagnare questo grande processo di rinnovamento.
Io non vedo altra strada in alternativa a questa, so di certo però che se non la si imbocca al più presto rischiamo l'estinzione, e il paese finirà in un vicolo cieco.
Per tutto questo occorre una forza d'urto immensa, disposta allo scontro.
Non un autunno caldo, ma una stagione caldissima.
Ora non parlo più, mi aspetto segnali forti, altrimenti arrivederci e grazie.
TAG:  OPPOSIZIONE  GOVERNO OMBRA  INTERCETTAZIONI  ALITALIA  RETE 4  TV  ESERCITO  LODO SCHIFANI  VELTRONI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
28 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork