.
contributo inviato da lupoAlberto il 5 giugno 2008
...provate un po' a fare un sondaggino (o a farlo fare, visto che tutti voi dite di "averci il polso" dell'elettorato...) e poi ne riparliamo!
Vi è sufficentemente chiara la "frittata" che avete combinato ???
La Storia, con la "esse" maiuscola, ve ne renderà conto, ve ne rendete conto ???

Ma che parlo a fare, quelli manco leggono la posta ordinaria, figuriamoci il web...!
...sono sempre "impegnati altrove", o "fuori sede"...

All'epoca del vituperato Mao (ma anche nelle nostre scuole, qualche decennio fa...) veniva messo un altissimo cappello da "asino", conico di cartone, un cartello al collo con su scritte le malefatte, e costretti a girare nelle strade e nei villaggi più frequentati fra sberleffi, frizzi e lazzi... non so cosa darei, per vedervi fare la stessa fine, assolutamente nonviolenta ed indolore, ma assai "urticante", elettoralmente parlando...!
 

(dalla "cronaca", repubblica.it di oggi...Milano, auto confiscata per sempre

Trovato ubriaco al volante
scatta la confisca dell'auto

Primo caso di applicazione delle nuove norme, di Emilio Randacio
 
leggetelo attentamente
, ho voluto riportarlo integralmente perchè meriterebbe di essere inserito nelle antologie scolastiche della scuola media... Ma cosa c'è, in questa sola "piccola" norma amministartiva, che può far pensare ad una "deriva securtaria", o alla "limitazione degli insopprimibili diritti della persona"... No carcere, no discriminazioni, ma solo (scusate se è poco!) la privazione PER SEMPRE della propria inseparabile, pestilenziale vetturetta! Direte: ma perchè non averci pensato "prima"? ...ah. sì ...a proposito: PERCHE'????

«Quando una pattuglia lo ha fermato all´alba mentre guidava in contromano sulla sua Mazda, non pensava a tanto. Certo, in compagnia di un amico era reduce da una serata in cui avevano bevuto. E anche parecchio. Eppure A. R., 22 anni, nato in Ecuador, ma da diversi anni stabilmente a Milano con la famiglia, sarà ricordato per essere la prima vittima del decreto sicurezza entrato in vigore da una settimana. E la sua Mazda serie 3, colore blu scuro, passerà alla storia per la prima automobile sequestrata a un cittadino milanese che, tra qualche giorno, diventerà ufficialmente di proprietà dello Stato.

La "colpa" è quella di essere stato sorpreso alle 6 del mattino a percorrere via dei Tulipani, una traversa di via Lorenteggio, in senso contrario. Una pattuglia di vigili è intervenuta e, visto il suo stato piuttosto alticcio, ha verificato il livello di alcol nel sangue. Al primo controllo, il giovane ha fatto registrare 2,46 grammi di alcol per litro di sangue. Al secondo ha raggiunto i 2,57 (il limite consentito dal codice è di 0,5 per litro). Immediato il sequestro dell´auto, il ritiro della patente e la segnalazione alla magistratura per il reato di "guida in stato di ebbrezza".

Per il momento, la Mazda 3 si trova nel deposito di via Novara. Se qualcuno sul mezzo fosse stato in grado di guidare, i ghisa, stando alla riforma, potevano lasciarne a loro la custodia. Ipotesi remota. In via dei Tulipani, nessuno dei due era lucido. Ora, nel giro di poche ore, il pm Tiziana Siciliano metterà la firma al decreto penale di condanna e per il ventiduenne inizieranno i guai. Dal punto di vista economico, l´aver alzato troppo il gomito dovrebbe costare una cifra leggermente superiore ai 6.700 euro. Inoltre, il malcapitato A. R., dovrà sborsare il costo quotidiano del deposito fino al giorno in cui la condanna sarà definitiva. A quel punto, la Mazda se la potrà tranquillamente scordare. Sarà probabilmente venduta all´asta, ma le procedure non sono ancora chiare, essendo il primo caso da quando è entrato in vigore il pacchetto sicurezza.

A parte, infine, sono le conseguenze dal punto di vista amministrativo. Visto il livello alcolico, oltre alla macchina, anche la patente gli è stata già praticamente stracciata. Qualche consolazione? Una, piuttosto magra: per il passaggio allo Stato della sua auto non sono previste le spese di rogito.»
TAG:  PD  MASTELLA  AUTO  DINI  PEZZOTTA  CONFISCA  UBRIACHEZZA  DECRETO SICUREZZA  SINISTRA ARCOBALENO 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork