.
contributo inviato da valeriopieroni il 24 maggio 2008
Le immagini dei telegiornali oggi ci mostrano di nuovo gli scontri dei cittadini del posto con le forze dell'ordine e i blocchi pseudo-pacifisti per impedire l'accesso ai siti individuati per la discarica, cioè verso le uniche fosse dov'è ormai possibile smaltire le tonnellate di sacchi neri, accusando tutto il mondo, sopratutto la camorra, come se i camorristi fossero degli alieni venuti dall'iperspazio.

Si può infatti sapere, cari manifestanti, dove volete mettere l’immondizia che producete? Chi l’ha capito alzi la mano.

Per carità, a chiunque darebbe fastidio avere vicino casa una discarica, ma se non ci sono alternative si deve fare così senza storie. E soprattutto senza sassaiole contro le forze dell'ordine. L’alternativa (a breve) sarà lo scoppio di un’epidemia di colera. Vogliamo arrivare a questo?

Però c’è anche da dire che questo continuo rievocare il nome della camorra, di cui tanto oggi si parla e al quale tante colpe si attribuiscono, mi lascia piuttosto perplesso. Per carità il fenomeno esiste. Senza dubbio. E in parte ha contribuito al peggioramento del fenomeno, ma non alla sua origine. A volte sembra una favola per gonzi, una scusa bella e buona di chi ha trasformato Napoli in una discarica e ora tenta di dare ad altri la colpa. Parlo naturalmente degli amministratori locali.

Poi, tanto per farvi un’idea, è stato assurdo e vergognoso che nei giorni scorsi siano state prese di mira pure le ambulanze e aggrediti gli operatori del 118. Perfino in Palestina, dove c’è guerra, si consentono alle ambulanze di passare incolumi.
A Napoli invece no.

La situazione in Campania quindi sarà preoccupante per i campani ma anche per il resto degli italiani è umiliante e offensiva. Siamo tutti d'accordo sull'unità del paese e tutti solidali con i partenopei, ma se siamo arrivati a questi livelli allarmanti di chi è la colpa?
TAG:  EMERGENZA  SCONTRI  SPAZZATURA  CAMORRA  DISCARICHE 

diffondi 

commenti a questo articolo 34
commento di colapesce inviato il 24 maggio 2008
Per carità tutto giusto. Forse però, a viverci in quei posti, o almeno conoscerli più da vicino si capirebbero anche quelle cose che le televisioni non raccontano e quello che non appassiona perché non serve alla polemica tra parti politiche.
Vero che ogni comune dovrebbe smaltire i propri rifiuti, però ci sono comuni di 10000 abitanti e comuni con un milione e mezzo di abitanti. Si dirà: ma il comune con un milione e mezzo di abitanti ha anche un territorio più vasto. Sbagliato: il comune con un milione e mezzo di abitanti non ha territorio per smaltire i suoi rifiuti perché è tutto occupato dalle case per un milione e mezzo di abitanti.
Ovvia che si arriva a questa situazione per l'imprevidenza di chi ha governato ma anche per l'acquiescienza di chi ha governato e anche di chi era all'opposizione verso interessi privati.
E la camorra c'entra molto.
commento di piedesinistro inviato il 24 maggio 2008
grazie per quello che il Pd non sta facendo anche a Chiaiano.
Ritorna il fascismo di stato e il Pd in parlamento prepara le tavole rotonde con il Governo.
Mai e poi mai riavrete il mio voto...
si sta comodi in poltrona e nei palazzi, tanto le cariche della polizia vanno sempre e comunque a colpire altri, così come i colpi della camorra e le ingiustizie sociali.
Bravo Walter, così si fa opposizione, è la migliore tattica, nessuna responsabilità e tanto vantaggi, meglio restare all'opposizione a vita, specie quando è una non-opposizione come quella del Pd.
commento di meltemi inviato il 24 maggio 2008
Nelle aree dove il governo ha individuato le 10 discariche esistono già centinaia di discariche clandestine dove per anni la camorra ha sversato i rifiuti tossici del nord. E non è vero come qualcuno sostiene che le popolazioni non hanno protestato per queste discariche, sono anni che chiedono un intervento dello Stato e la bonifica delle discariche stesse. Prima non facevano notizia e nessuno, a parte gli abitanti delle zone interessate, se ne è mai preoccupato. Non è una favoletta ecologista che in quelle zone malattie e soprattutto tumori sono in percentuali altissime. Il governo e Bertolaso continuano ad ignorare gli studi di scienziati e tecnici dell'università di Napoli e di altri Enti che hanno individuato siti alternativi. Perchè? E perchè continuano ad affidare a FIBE ed IMPREGILO la gestione dei rifiuti e delle discariche? Esemplare il caso di Chiaiano dove si vuole aprire una discarica in una zona destinata a Parco e all'interno di un'area intensamente popolata (200mila abitanti) con una serie di controindicazioni che sono state ampiamente descritte e motivate nella trasmissione Anno Zero di giovedì scorso. La protesta di quelle popolazioni è più che legittima. E per quanto riguarda le violenze, queste sono state scatenate dalla polizia che ubbidisce a precise disposizioni del governo. Leggete questa testimonianza
http://www.repubblica.it/2008/05/sezioni/cronaca/rifiuti-8/racconto-prof/racconto-prof.html
commento di no man's land inviato il 24 maggio 2008
bah io credo che sia facile parlare "da lontano". Tutto sommato se dovessere "chi produce la spazzatura si trova il sito per smaltirla" quelli di Chiaiano dovrebebro pensare ai proprio non a quelli di Napoli non crede? Capisco che sia bello vedere un governo decidere e fare. Spero che capiti anche lì vicino dove abita lei, poi così potrò leggere un post pieno di orgoglio per aver risolto il problema di... un'altra città! Se fossi un abitante di Chaiano e mi sentissi in pericolo farei ancor peggio glielo assicuro!
Per quanto riguarda la camorra opterei invece come primo responsabile delal situazione. Perchè sicuramente è stata lei a farla nascere e a far si che si arrivasse a questo livello.
No, decisamente lei non mi convince affatto con i suoi ragionamenti.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
5 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork