.
contributo inviato da finix88 il 17 maggio 2008
Cari lettori,
in questi giorni al centro del dibattito politico vi è la questione clandestini e la conseguente discussione del pacchetto sicurezza.
Questo Pacchetto sicurezza presentato dal Ministro dell'Interno Maroni prevede il pugno duro verso gli immigrati clandestini, soprattutto verso coloro che vengono ritenuti criminali o che hanno già precedenti penali, anche se si cercherà di attuare una differenziazione verso quegli immigrati che sono nel nostro paese semplicemente per lavoro, come è il caso delle badanti. A parere mio queste misure di sicurezza sono un fatto positivo, soprattutto alla luce di ciò che è successo in quest'ultimo periodo. Inoltre la differenziazione permetterebbe di "accettare" quei lavoratori onesti e venuti in Italia perchè realmente bisognosi. Detto questo vorrei sollevare alcune questioni al riguardo; primo dubbio: chi ci da la sicurezza che anche coloro i quali si presentano come lavoratori, in realtà si rivelino criminali?
Secondo dubbio: la nostra Costituzione prevede all'articolo 10, che "l'ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute"; ciò significa che la legge deve conformarsi ai trattati internazionali, e nel nostro caso, soprattutto a quelli dell'Unione Europea. E qui la questione: come si spiega la compatibilità del Pacchetto Sicurezza con gli Accordi di Schengen, i quali prevedono la libera circolazione dei cittadini all'interno dei paesi che fanno parte dell'area di Schengen? In che modo,cioè, si può limitare la circolazione di cittadini europei se l'ordinamento ne prevede la libera circolazione?
Nei prossimi giorni si avrà risposta.
In bocca al lupo al Ministro Maroni.

 
TAG:  PACCHETTO  SCENGEN  CLANDESTINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 3
commento di colapesce inviato il 18 maggio 2008
In un Paese dove si fanno rispettare le leggi il problema non si pone.
La risposta di Maroni quando sarà completamente definita confrontala con il decreto amato e con l'attuale Bossi-Fini. Potrai notare con stupore l'assoluta identità.
Naturalmente ci sarà la sanatoria per coloro che già lavorano, solo che Maroni la chiamerà in un altro modo.
La prossima sanatoria sarà tra 5 anni. E poi dopo altri 5 anni; ma sempre con nomi diversi.

informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork