.
contributo inviato da Giuseppe Corda il 15 maggio 2008

Finalmente uno scenario politico diverso in Italia, una coalizione di maggioranza composta da due partiti, una coalizione d’opposizione formata da tre partiti.

Non si può parlare di sconfitta alle ultime elezioni politiche, perché il pd ha avuto un ampio consenso. Però io personalmente ho la consapevolezza che si poteva fare di più, infatti ho notato alcuni errori nella campagna elettorale. Non si poteva dire che un partito unico andava a governare l’Italia, perché anche se c’era la volontà di formare un unico gruppo parlamentare, bisognava essere chiari sul fatto che questo gruppo unico era costituito dall’idv e dai radicali. Il nostro leader doveva fare campagna elettorale assieme ad Emma Bonino ed Antonio Di Pietro. Bisognava essere chiari che berlusconi è un pluricondannato e un grande bugiardo che ha ingannato l’Italia per sette anni e si apprestava a farlo per altri cinque.

Ritengo opportuno fare une analisi anche riguardo la situazione attuale. Certo è necessario fare un opposizione costruttiva perché il bene del paese è fondamentale. Ma è anche necessario essere convinti che Berlusconi vuole governare per fare le leggi per se. Non si può dialogare con una maggioranza parlamentare e un governo, che non da alcuna camera all’opposizione, che è composto da condannati che sono stati processati assieme al presidente del consiglio è da un partito che manca di rispetto alle istituzioni come la lega che ci fa perdere il prestigio internazionale, è definisce i romani delle carogne. Due anni fa Berlusconi disse che chi aveva votato a sinistra era uno stronzo, dopo questa affermazione ritengo che la stragrande maggioranza dei nostri elettori non vogliano dialogare con questa gente. Infine ritengo che l’idv che è stato così importante nelle elezioni, non si possa non prenderlo in considerazione, perché è un alleanza sincera che va coltivata.

TAG:  ERRORI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
1 maggio 2008
attivita' nel PDnetwork