.
contributo inviato da benedettoparis il 14 maggio 2008
Tre giorni al Forum sull'Innovazione nella Pubblica Amministrazione, di discussioni sulle Eco - città, sul digital divide, sulla partecipazione dei cittadini....la sensazione era di essere finalmente in un contesto contemporaneo, che aprisse nuove strade alla buona amministrazione, ai cittadini, alla soluzione dei loro problemi. Dopo un pò invece è arrivato un senso di lontananza, di tristezza per quanto l'esperienza amministrativa labicana sia assente da queste idee, da queste "buone pratiche". C'è tanto da fare come partecipazione diretta dei cittadini, come trasparenza della pubblica amministrazione. Basti pensare alle delibere pubblicate solo con il nome e il numero sul sito, senza informazione e aggiornamento reale...vabbè che c'è poco da aggiornare, ma cavolo è possibile che un cittadino (ed un consigliere aggiungo) se non va nel palazzo comunale non possa saper nulla? Noi facciamo la nostra parte, pubblicando le delibere di giunta sul nostro sito cambiareeviverelabico.com, ma non basta. Ci vogliono informazione, piattaforme che facciano dialogare i cittadini con la pubblica amministrazione! Se poi si pensa all'assenza di politiche per l'innovazione che deve nascere dai cittadini: ancora oggi la sala computer comunale non è accessibile dai semplici cittadini per proprie esigenze, ma solo se legati a progetti delle scuole o del centro anziani, escludendo così la possibilità di usare quei computer e di accedere ad internet per quella fascia di età che più usa le teconologie informatiche. Digital divide......intelligent divide a Labico.
Se parliamo poi di ecocittà....viene da piangere...ma intanto ho preso 30 proposte di delibere che proporrò alla coalizione per trasformarle in proposte a Labico.

TAG:  CAMBIAREEVIVERE LABICO  DIGITAL DIVIDE  ECOCITTÀ 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
12 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork