.
contributo inviato da parvi81 il 13 maggio 2008
Com'è risaputo ho intrapreso da almeno un anno (ben prima che cadesse il governo Prodi) una battaglia personale contro il giovane Dini.
Lambertow ha fatto di tutto per far cadere il governo e alla fine, grazie all'aiuto di Mastella, c'è riuscito.
In un periodo così sterile di buone notizie (per noi democratici) lasciatemi prendere almeno la piccola soddisfazione nel vedere che, nonostante Dini avesse venduto il c..o a Silvio, quest'ultimo non gli abbia riconosciuto nulla, nemmeno una piccola poltroncina, uno sgabello: niente insomma.
Spero che Lambertow adesso capisca che conta quanto un torsolo di mela e, alle prossime elezioni, visti anche raggiunti limiti di età, si ritiri dalla vita politica lasciando quindi ad altri lo spazio che lui, da sempre, occupa inappropriatamente.
Andando OT ho visto che qualcuno nel governo si prende i meriti per il governo snello, solo 60 elementi. "Siam ostati molto più bravi di Prodi", dicono. A parte i 21 ministri (pari e patta col precedente governo) ricordo a lor signori che non è stata una scelta ma una legge varata dal precedente governo (quello Prodi) ad imporre di inserire non più di 60 membri di governo. La legge, cercate sul web, è la Bassanini che stabiliva proprio non più di 12 ministri con portafoglio e non più di 60 membri di governo in tutto.
Qualcosa di buono, insomma, l'avevamo fatto in sti 2 anni di governo!
TAG:  DINI  NIENTE POLTRONA 

diffondi 

commenti a questo articolo 3
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork