.
contributo inviato da mabelune il 12 maggio 2008
In occasione della nascita del governo ombra Bersani stasera ad 8 E MEZZO ha parlato del radicamento, delle correnti, di come definire i gruppi dirigenti etc...
In questi giorni si sente il sapore e il sentore della vecchia politica, che cerca di rispolverare i vecchi metodi come antidoto alla sconfitta elettorale. Credo che peggior suicidio di questo non possa esserci. Bersani crede che non ci sia la possibilità di ricreare la vita di sezione, ma che i dirigenti siano l'espressione di "gruppi sociali". Non voglio essere prevenuta nei confronti delle parole, ma questo contrasta fortemente con l'idea di cultura della cittadinanza che va oltre l'appartenenza ad un gruppo di interesse particolare. E' necessario lavorare ad un cambiamento culturale in modo che le persone comuni si interessino di politica  non solo come appartenenti ad una categoria socio-economico, perchè questo è uno dei punti di partenza  più miope che si si possa concepire. Io partecipo alla vita pubblica prima di tutto come cittadino, poi come lavoratore, madre di famiglia, consumatrice, automobilista etc.etc.
Le primarie ci hanno detto che, a partire dai giovani fino ai pensionati, c'è il desiderio di una vita sociale in cui oltre che di calcio e dell'ultima puntata di DOMENICA IN, si  desidera parlare e partecipare alla politca intesa non solo per quello che succede al parlamento nazionale ma di quello che si fà nel nostro quartiere, nelle nostre scuole, nelle nostre strade. Ritengo sia indispensabile lavorare per creare la cultura della partecipazione, per ricreare quei luoghi in cui le persone si occuppano della polis in cui vivono , come si fà in famiglia, si parla e si cercano soluzioni per il bene comune. L'unico vero modo in cui si possono smontare le CASTE è far si che ogni cittadino senta che quello che fà non ha solo una dimensione individuale ma ha delle ricadute pubbliche e che farsi carico del bene pubblico è un diritto/dovere di ognuno di noi. Nella mia città, Firenze, sento un partito di nuovo concentrato su se stesso, che ha la presunzione di capire e rischia di ricadere negli stessi metodi utilizzati fino ad oggi per prepararsi alle amministrative del prossimo anno, e sembra che la lezione non serva a capire cio che le persone comuni, che hanno avuto una speranza con le primarie, NON vogliono più vedere. Grazie, un saluto Manuela 
TAG:  RADICAMENTO  CITTADINO  CORRENTI  NUOVA PARTECIPAZION 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
12 maggio 2008
attivita' nel PDnetwork