.
contributo inviato da Gianluca Santilli il 10 maggio 2008

Finalmente un po' di chiarezza. Dopo le chiacchiere delle ultime settimane, le parole strillate sui giornali da esponenti più o meno autorevoli del PD romano, dopo giorni di toni alti, si è tornati a riunirci per fare un punto della situazione.
Dal dibattito di ieri nella Direzione Romana del PD è emerso che Riccardo Milana deve rimanere alla guida del Partito almeno fino al tanto invocato Congresso del 2009.
Milana, Ciarla, Zanda e molti altri hanno fatto una attenta analisi del voto che ci ha portato alla sconfitta nella Capitale. Una sconfitta che ancora brucia ma a cui dobbiamo reagire con decisione per fornire ossigeno ad un'attività di opposizione che già si preannuncia dura.
Dobbiamo ripartire dallo spirito delle primarie, ricreare quell'entusiasmo che portò milioni di persone in piazza ma soprattutto dare nuova linfa ai circoli del Partito cercando di TORNARE tra la gente come da giorni vado dicendo.
E' oltremodo necessario ricreare quel rapporto fra rappresentato e rappresentante che molti cittadini ormai vedono dilaniato da lotte intestine, interessi personali e spartizioni correntizie.
Mettiamo da parte tutto ciò, operiamo un vero rinnovamento magari partendo dalle parole di Milana che ha pensato ad una giunta ombra guidata da un candidato sindaco pronto ad insediarsi il giorno successivo alle elezioni. Una giunta di cui non può far parte la vecchia nomenclatura, una giunta capace di esprimere un vero rinnovamento e di ripartire con slancio con nuove energie, nuove idee e soprattutto nuovo entusiasmo.

TAG:  MILANA  PD ROMA  ZANDA  VALENTINI  MONTINO  CIARLA  GIACHETTI  MADIA  DIREZIONE ROMANA 

diffondi 

commenti a questo articolo 7
commento di lucibo inviato il 11 maggio 2008
che fa Rutelli, se ne va? questo ci dovete dire. A me questi governi ombra, giunte ombra...mi fanno un pò malinconia, ma non c'è niente di più nuovo e concreto da dire da fare? Qualcuno ha visto Report domenica scorsa? Rutelli e Veltroni che dicono? Sono più amareggiata dal "dopo elezioni" che dal risultato delle elezioni stesse!
commento di j.j.r. inviato il 10 maggio 2008
Caro Gianluca Santilli sono contento del fatto che è stata fatta una attenta analisi del voto romano. La cosa interessante e che tu non dici, è cosa ne è venuto fuori dall'analisi. Di chi è la colpa della sconfitta? Come vi siete spiegati i voti mancanti a Rutelli e non a Zingaretti? Chi ha perso, e cioè Rutelli, si fara da parte?
Perche nella tua comunicazione non entri nello specifico delle analisi del voto e resti sul generale?
Io penso che gli elettori romani del pd abbiano voluto punire i vertici del pd che hanno proposto una persona che ormai sa di vecchio: Rutelli. E' ora che inizi a farsi da parte. E' la mia opinione, e tu cosa ne pensi visto che la maggioranza dei romani lo hanno già fatto?

informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
21 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork