.
contributo inviato da ThePrince il 30 aprile 2008
Buongiorno a tutti,

In questi giorni stiamo tutti riflettendo. Consumiamo calorie su calorie impegnati in una riflessione che, per l'ennesima volta, aiuta a metterci in discussione ed a pensare a possibili strategie future.
Premesso che sono sempre stato un elettore di Rifondazione, che questa volta ha deciso di CAMBIARE voto a favore di Walter (dopo anni non si militanza pura, ma di semplice supporto elettorale), vorrei fare queste osservazioni.
Ho, alcune volte, l'impressione che non si capisca fino in fondo la dinamica della sconfitta.
Ci sono dei concetti di base che sfuggono.

Il PRIMO (forse il più banale) è che la Sinistra Arcobaleno non ha capito che il disastro è una pura conseguenza di errori GRAVI. Questo lo sappiamo tutti molto bene, ma ci sono sfumature che al popolo rifondarolo sono sfuggite. Per la prima volta, gli elettori (quelli di Sinistra come me) hanno punito DURAMENTE gli eletti per le loro mosse sbagliatissime, per una mancanza di stratregia unitaria, e per l'ennesima dimostrazione che, dopo anni di opposizione, cortei, manifestazioni etc, si è rivelata una totale assenza di responsabilità e di capacità di stare al governo. La delusione è stata troppo cocente, e quindi il supporto ideologico è semplicemente venuto meno. Personalmente sono felicissimo di non vedere più certe facce in parlamento. E secondo me loro non hanno colto bene la questione. Ancora si interrogano...

Il SECONDO è che, nel momento stesso in cui Veltroni lo aveva annunciato, ho sempre saputo che RUTELLI non ce l'avrebbe fatta. Rutelli (con tutto il rispetto per l'uomo politico ed il personaggio) rappresenta il vecchio, una mera riproposizione di una minestra già consumata. E, di fronte alla ventata di novità ed all'esaltazione per quello che stava succedendo con il PD, nessuno ha minimamente pensato che forse (e dico, non più tanto forse ormai) Rutelli non era proprio una grande scelta per vincere... Qui a Roma c'è tanta gente (di sinistra) che non ha VOLUTO ESPLICITAMENTE votare Rutelli. E se devo dirla tutta, anche la mia matita copiativa ha tremato sulla scheda in cabina elettorale. A me Rutelli proprio non piace, non mi sta simpatico, non mi piace la sua vicinanza con l'Alto Clero, non mi piace il suo modo di parlare. Sì, è stato un ottimo sindaco, ma la sua stagione è finita da tempo. La gente non ha voluto riaprirne un'altra. Punto.

Il TERZO punto che voglio sottolineare è quanto bassa sia la tolleranza dell'elettorato (e del pubblico) di sinistra rispetto alla destra.
Hanno votato in massa Berlusconi nel 2006, dopo 5 anni di disastri, malgrado lo schifo del Governo di Centrodestra. Figurarsi dopo due anni di Governo Prodi! La Sinistra ha abbandonato la nave per la delusione. La Sinistra NON PERDONA! Gli SBAGLI SI PAGANO, SIGNORI MIEI! Ormai si paga tutto, non è più come una volta, che se votavi PCI lo facevi per tutta la vita.
Questa è una realtà a cui dobbiamo adattarci! La Destra perdona tutto, ingoia qualsiasi fandonia, risponde prontamente alle bufale di Alemanno e Berlusconi.
La Sinistra te la fa pagare ben bene. Non abbiamo i margini di manovra che hanno gli altri, siamo legati indissolubilmente a standard qualitativi molto, molto elevati. E questa cosa non si può cambiare.

Detto questo, i cicli si aprono e si chiudono. Questi secondo me resteranno al Governo per 5 anni (ebbene sì), ma poi le cose cambiano rapidamente. Molto (forse troppo) rapidamente.
Quindi forza e coraggio! Anche se non sembra, siamo davvero in tanti, e la prossima volta gli faremo vedere! Vero??

TAG:  TOLLERANZA  RUTELLI  SCONFITTA  VENDETTA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
30 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork