.
contributo inviato da Alad_in il 15 aprile 2008

Caro Walter, anche se avevamo già messo in conto l’esito negativo delle elezioni, siamo profondamente amareggiati per la forte sconfitta, ma soprattutto per il danno provocato al popolo dei lavoratori dalla tua e dalla vostra ipocrisia rivestita di follia (Franceschini, D’Alema, Fassino e compagnia).

Siete riusciti in un’impresa che solo una persona insensata e totalmente priva di senso dello stato come Berlusconi avrebbe voluto realizzare: la scomparsa della sinistra e degli ambientalisti dal Parlamento. Siete stati bravi ! Avete reso un ottimo servigio ai signori dell’impresa ! Avete sgombrato il campo dai facinorosi che impedivano la realizzazione di tutte quelle opere “necessarie” per il paese: il ponte sullo stretto, la base di Vicenza, la Tav, le centrali nucleari, i termovalorizzatori.  Grazie a voi probabilmente nei prossimi anni assisteremo alla svendita dei beni demaniali e alla trasformazione dell’Italia in un cantiere di opere incompiute che noi contribuenti pagheremo per anni (si veda il ponte di Messina) senza peraltro usufruirne. Opere che saranno realizzate da lavoratori sempre più precari, sottopagati e privi di qualsiasi tutela. Opere appaltate agli amici degli amici con leggi realizzate ad hoc.

Ci avete costretti ad un salto nel vuoto che farà tornare questo paese indietro nel tempo, in un tempo buio fatto di contrasti e costrizioni. Avete venduto l’anima per una serie di riforme, volute dagli imprenditori assoldati tra le vostre fila, che non comporteranno alcun benessere ma solo alcune agevolazioni pratiche e ulteriori aggravi e sacrifici per i lavoratori dipendenti.

Ciò che non avete capito, perché voi politici non avete intelletto per capire il paese reale, è che avete ucciso non un’ideologia, bensì la speranza di coloro che stanno peggio e che desiderano ardentemente essere liberati dal giogo della precarietà e della povertà, dall’oppressione della disoccupazione e dei salari indegni, dalla miseria di pensioni senza valore, dalla mancanza di una casa e dalle vessazioni provocate da tali condizioni. Non vi è bastato assoggettare e derubare i lavoratori dipendenti con i vostri decreti e de-cretini; avete voluto concludere l’opera con l’omicidio della speranza, unico alito di vita per chi già sopravvive.

La scomparsa della sinistra e degli ambientalisti dal Parlamento, uniche forze rappresentative dei ceti meno abbienti e di Madre Terra, è un danno enorme per il paese e per i lavoratori provocato dalla vostra incapacità di tenere fede a impegni e programmi. La vostra più grande riforma, oh riformatori, è stata quella di trasformarvi da sinistra in destra. Complimenti !

In conclusione non possiamo che ringraziarvi per averci consegnato nelle mani di un dittatore (Berlusconi) senza scrupoli, con il quale siete pronti a collaborare, che ha già ampiamente dimostrato di voler sostituire il welfare state con un sistema privato iniquo, di stampo americano, imperniato sul consumo esasperato ed esasperante.

 Grazie Walter

 

TAG:  SPERANZA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di valetommi inviato il 16 aprile 2008
ps: italiani del nord ovviamente, scusate la gaffe
commento di valetommi inviato il 16 aprile 2008
pienamente d'accordo con mercoestra. Mussolini fu un comunista prima di essere dittatore e, se vogliamo spingerci oltre sull'analisi storica, il partito di Hitler era nazional- socialista.. due termini antitetici se vuoi ma che si accostano bene alla lnea politica della lega: xenofobia e lavoro agli italiani
commento di TINDARO inviato il 16 aprile 2008
ADESSO E' L'ORA DI AGIRE, ABBIAMO VISSUTO PASSIVAMENTE I 5 ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI ( E' ASSURDO CIO' CHE E' ACCADUTO IN QUEGLI ANNI) ADESSO BASTA. FACCIAMO DEL PD UN PARTITO SOCIALISTA DEI LAVORATORI ( COME IN SPAGNA) E COMBATTIAMO PASSO PASSO QUESTO FINTO GOVERNO DEMOCRATICO IN NOME DELL'ITALIA UNITA. FACCIAMOLO O L'ITALIA VERRA' DISTRUTTA.
commento di appomatox inviato il 16 aprile 2008
Bravi, complimenti compagni. Avanti col tutti contro tutti, coi "io sono più rosso di te" e cose consimili. Sono queste cose che ingrassano la destra. Io ho votato PD e, dopo anni, ho dato un voto PER e non CONTRO. E sono d'accordo con Brit: la scelta di Veltroni di andare da solo aveva liberato le mai della SA, ma Bertinotti ha preferito prepararsi ad una "sana opposizione" e a prendere le distanze da Prodi, piuttosto che attaccare Berkusconi e la destra. E a chi (anche questa cosa già vista) dice "Veltroni se ne deve andare" rispondo: "E chi ci mettiamo? Pecoraro Scanio? O qualche vecchio stagionato DS?" E se il PD non fosse nato e non si fosse presentato quanti mesi sarebbe ancora durato il governo Prodi? E quanto avrebbe preso la sinistra nel suo complesso?
Avanti così! Scanniamoci tra parenti, incolpiamoci l'un l'altro e non guardiamo in faccia ai problemi del paese e a quelli che hanno votato la destra. E così dopo Berlusconi avremo pure suo figlio al governo.
commento di contraddizione inviato il 16 aprile 2008
E diaciomola anche tutta su Boselli, per piacere, che gettato veleno in dosi massicce.
Nel 2006 non volle dentro l'Unione la presenza di Di Pietro
Nel 2008 non voleva entrare nel PD perchè c'era l'accordo con Di Pietro per il gruppo parlamentare.
Insomma è chiarissimo che non ha mai accettato che si stringessero accordi forti con chi ha scoperto e denunciato il vecchio PSI.
E' inutile giraci attorno!!
E meno male che Veltroni ha tenuto duro su questo punto, perchè è stato premiato dall'elettorato.
Anzi ci sarebbe da aspettarsi che si coalizzino sempre di più sotto il profilo della coerenza e del rispetto della leggi.
commento di marcoestra inviato il 16 aprile 2008
Mi spiace che Alad_in dimostri ancora una volta di non aver compreso il messaggio nuovo del partito democratico e che la Sinistra è stata punita dai suoi stessi attegiamenti. Siamo nel XXI secolo e alcuni (giusti sia ben inteso) temi da loro portati avanti vanno affrontati in modo nuovo e fresco che sia compreso dalla gente e non solo dai (pochi oramai) militanti duri e puri rimasti. Sono tutti interessanti i commenti e credetemi, per me romano che ha vissuto cinque anni al nord (profondo nord direbbe qualcuno), sono certo che le istanze della cosiddetta base (di sinistra) sono ormai intercettate dalla lega, triste ma vero. Ritengo che il progetto debba andare avanti e chi non è d'accordo sulla linea politica deve mostrare il suo dissenso e disappunto ma - altresì - nel momento della "lotta" politica, dello scontro ideologico si deve andare tutti uniti (difendendo anche opinioni non del tutto proprie) solo così sio vince. Un'ultima analisi, impariamo una cosa dai grandi partiti europei, le primarie servono (e devono servire) ad alimentare il confronto delle (differenti talvolta) idee checi sono dentro un grande partito qual'è il PD ma una volta che una linea "vince" tutti allineati altrimenti il nostro caro piccolo duce ce lo terremo chissà fino a quando con lesue promesse e speranze mirabolanti. Il dramma di una certa sinistra è che è sempre stata divisa e già nel 1921 (si avete letto bene) grazie alle sue divisioni consegnò il paese a Mussolini, non si dimentichi la storia che è come dicevano i nostri padri latini: Magister Vitae.

Ciao a tutti e grazie Walter

Marco
commento di contraddizione inviato il 16 aprile 2008
Ottima anche la riflessione del Puma Democratico.
La nuova frontiera assolutamente da reinventare sono gli strumenti di comunicazione, non potendosi più affidare a quelli tradizionali.
In questo senso il PD deve unire lo sforzo per una fortissima offensiva culturale a una nuova strutturazione comunicativa.
Altrimenti non ci sarà nulla da fare!!! .
commento di marco.rimino inviato il 16 aprile 2008
comprendo la tua amarezza, caro alad_in. e la condivido, nello stato d'animo.
ma nell'analisi politica no. quella no.
quella sinistra non è stata votata dai suoi elettori (tra i quali tu) non a causa del voto utile (del quale veltroni non ha mai parlato) ma soprattutto perchè chi si candidava a rappresentarli non rispecchiava alcuna istanza di cambiamento. la sinistra non è bertinotti, nè diliberto, nè tantomeno mussi, come l'ambientalismo non è certo pecoraro (anzi.....), o il socialismo boselli. la sinistra è il popolo di sinistra, il più positivamente critico con se stesso e con i propri esponenti. e sta qui la ricchezza (vostra e nostra): saperci mettere in discussione. derivare un disegno di futuro dall'autocritica.
la sconfitta elettorale della sinistra arcobaleno e la mancata affermazione del pd come partito di governo sono egualmente gravi, e mai auspicate prima del 14 aprile. l'elettorato di quei partiti (io ho la stragrande maggioranza dei miei amici tra i loro sostenitori e attivisti) ha solo deciso che quella classe dirigente non aveva nessuna attinenza con le loro idee. ed a ragione, secondo me.
hanno impresso una discontinuità che servirà per rifondare una sinistra costruttiva e rappresentativa. un ricambio generazionale.
una modernizzazione di sinistra.
che io auspico. che io mi auguro arrivi quanto prima. lo stesso partito democratico ne deriverebbe un beneficio.
l'italia soprattutto se ne avvantaggerebbe.
dai concretezza alla tua rabbia e delusione per cercare di costruire quel nuovo che anche il popolo che non avrà rappresentanti in parlamento sta cercando. leggi quel voto così come ti ho detto, caro alad_in. perchè solo così sarebbe veramente costruttivo. non attaccando. riconoscere gli errori che agli elettori non hanno perdonato (ad esempio far scomparire i simboli senza nemmeno un congresso o una consultazione....che è? il partito del predellino di sinistra??? non ci voleva un processo un attimino più democratico???), n
commento di contraddizione inviato il 16 aprile 2008
Concordo pienamente con Valetommi.
Aggiungo che anche a me dispiace della mancata presenza della Sinistra in Parlamento, e questo per diversi motivi.
Rimango solo convinto che vi è stata una condotta dissennata da parte dei suoi rappresenanti in questi due anni.
Se non ci fosse stata la mossa di Veltroni (che solo così ha recuperato tantissimo anche nelle mie zone pugliesi) e Di Pietro che formano comunque il blocco democratico del 40%, in Italia, adesso saremmo al regime assoluto.
commento di brit inviato il 16 aprile 2008
io capisco la tua amarezza, credimi, anche se non tutte le tue priorità e veto (tipo TAV). Ma se abbiamo perso non è colpa di Veltroni, che invece ci ha dato un enorme senzo di speranza che abbiamo tutt'ora - altro che omicidio! Se non mi credi, prenditi qualche ora per leggere tutti gli interventi qua. No, se abbiamo perso è perché il messaggio del PD non è arrivato a tutti, non è stato trasmesso in modo sufficientemente efficace, perché il tempo era effettivamente poco. Ed è perché la Sinistra cosidetto radicale, l'Arcobaleno et al non hanno saputo mantenere e motivare i loro elettori che sono fuggiti in massa - udite e udite! -fra le braccia della Lega. I dati sono inconfutabili. In questa campagna non ho sentito Bertinotti dire una parola contro il dittatore Berlusconi (e sono d'accordo con te, lo è).E' stato un grossissimo errore. Veltroni aveva fatto una scelta coraggiosa di mantenere i toni bassi, di non attaccare B. (e questo perché stava lanciando un nuovo partito, una nuova cultura politica, moderna, riformista, europea...). Ma Bertinotti no! Era un'occasione unica per infiammare le piazze, per denunciare gli intralazzi di B, per cercare di spiegare per l'ennesima volta che cosa significhi il conflitto d'interesse ecc ecc. E non l'ha fatta: non è un omicidio, è un suicidio.
commento di il Puma Democratico inviato il 16 aprile 2008
non facciamoci processare dalla destra del caimano:
Basta con questi piagnistei per la sinistra arcobaleno, persino i nostri avversari politici vogliono far risaltare il fatto che il PD ha saccheggiato il consenso della sinistra estrema, per puro opportunismo di volerci cacciare in una crisi
Vogliamo invece capire che l’elettorato di sinistra ha voluto giustamente punire una sinistra ideologista fuori dai tempi !
Noi del PD dobbiamo invece iniziare da oggi stesso a capitalizzare il forte consenso ottenuto per continuare ad estendere ulteriormente il nostro elettorato verso il centro, che in questa tornata elettorale non ci ha affatto premiato.
Volete capire che la sinistra siamo NOI e che da qui dobbiamo fare punto e a capo !!!

S.G.
commento di valetommi inviato il 16 aprile 2008
ma perchè non volete capire che i voti della SA sono finiti alla Lega nelle zone settentrionali? perchè dobbiamo darci addosso fra sinistra e sinistra? noi non siamo a destra e nemmeno al centro di casini mettiamolo in chiaro una volta per tutte.. Veltroni ha fatto l'unica cosa che si poteva fare perchè col fallimento del governo Prodi e l'opposizione stessa di rifondazione al governo non ci si poteva più presentare tutti insieme, con ricatti ogni volta che si deve fare una legge non si va da nessuna parte. l'ascesa della lega è un chiaro segnale del fallimento della sinistra che non è riuscita a rappresentare al meglio il popolo operaio del nord, siamo tutti responsabili di questi 14 anni(sinistra,destra,centro). Veltroni ha fatto il possibili e i risultati sono stati buoni, non ottimi, ma buoni perchè ha provato a offrire un'alternativa. gli italiani gli hanno preferito berlusconi per varie ragione che tanto conosciamo tutti(tv faziose, la cavalcata sul malumore e così via..).
Una volte per tutte: siamo tutti dispiaciuti per la sinistra e anche per il PD se permetti visto che abbiamo perso e sia chiaro che Berlusconi non lo voleva nessuno al governo!
commento di oggisipuò inviato il 16 aprile 2008
Se c'è qualcuno da ringraziare sono quegli italiani che hanno deciso diversamente da noi. Quei ceti meno abbienti per chi hanno votato? e perché? Forse la sinistra radicale e gli ambientalisti dovrebbero fare più autocritica piuttosto che pensare che è sempre e comunque colpa di qualcun altro. A cominciare dal loro comportamento durante il governo Prodi.
commento di contraddizione inviato il 16 aprile 2008
Vorrei che Alad ripensi
a) alle marce per la base a Vicenza, sostanzialmente fatte contro il Governo da parte di noti esponenti della sinistra arcobaleno
b) alle fibrillazioni continue su moltissimi provvedimenti
c) sull'incoerenza di un leaders che si candida come premier (Bertinotti) e dopo qualche giorno si mette a parlare solo di opposzione, e non di Governo (ma allora che si è candidato a fare?)
d) sull'incredibile vicenda parlamentare del referendum dei lavoratori
e) sull'ironia verso Prodi "il "brodino" e il paragone con un poeta morente
f) e su tante altre cose...
Grazie tu tutto a questi "valenti" compagni di viaggio che hanno portato gli operai del nord Italia a votare in massa per la Lega.

commento di greg50 inviato il 16 aprile 2008
Le faccio i miei più sinceri complimenti per la lucida analisi, condita con un feroce sarcasmo. Mi meravilgio che lo abbiano pubblicato, visto che due miei interventi (molto più duri, ma meno raffinati intellettualmente del suo)non sono mai stati pubblicati. Ho però scritto a Rosy Bindi (nella cui lista mi ero impegnato nelle primarie) tutto il mio disagio e la RICHIESTA DI AFFIANCARE A QUESTO VENDITORE DI SOGNI, UN POLITICO VERO! CHI PERDE SE NE DEVE ANDARE! CHI HA PRODOTTO QUESTO "CONSEGNARCI NELLE MANI DI UNA DITTATURA" (come lei ha ben scritto) DEVE SCOMPARIRE DALLA SCENA POLITICA.
La ringrazio per il post che descrive la situazioen per quello che è: un agravità assoluta! Greg
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
15 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork