.
contributo inviato da La_Mary il 15 aprile 2008
Mi è stato chiesto perchè ho pianto. Mi sono chiesta perchè ieri ho detto e pensato cose irripetibili. Perchè ha prevalso la rabbia.
Perchè per la prima volta ci credevo davvero, perchè finalmente avevo trovato qualcosa che mi rappresentasse, perchè avevo fiducia in qualcosa che non era solo un progetto politico, in questa sfida, in questa voglia di cambiamento. Ci ho creduto fino alla fine, nonostante tutto. Cultura, rispetto, fiducia, parole che non sentivo più da tempo nel circo politico.
E ora? Ora abbiamo scoperto di non essere abbastanza, ora che non ce l'abbiamo fatta? Siamo comunque tanti, siamo attivi e ci crediamo ancora? Cosa possiamo fare? Ho pensato che si potrebbe partire da qui, da quello che Walter ha creato per farci esprimere le nostre opinioni, per creare un gruppo di persone che ocndividono questi principi. Non fermiamoci qui: abbiamo questo network a disposizione, continuamo a scrivere, a partecipare, a chiedere. Prima che per cambiare gli altri, per cambiare noi stessi, imparando ad essere orgogliosi di quello in cui crediamo, nel rispetto degli altri anche se costa caro.
Mi fido ancora di Walter e credo in questo progetto. Forse è degli italiani che non mi fido più tanto...
TAG:  DELUSIONE  RISPETTO  NETWORK  PARTECIPAZIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di mykyta inviato il 16 aprile 2008
cari amici, vi scrivo anch'io con le lacrime agli occhi, anche per me è consolante sapere che non sono sola, che tanti provano quello che provo io, e quello che provo in questi giorni è devastante: vorrei scomparire nel nulla per non vedere lo scempio che sarà quasi sicuramente fatto ai danni di questo sciagurato paese, ridotto nuovamente a repubblica delle banane dai suoi stessi abitanti. che pena! che male abbiamo fatto per meritare tutto questo? Walter ci aveva fatto credere che forse in italia le persone per bene desiderose di voltare pagina per portare l'italia al livello delle democrazie europee fossero la maggioranza: purtroppo si sbagliava.La gente che ha incontrato nel suo generoso viaggio in Italia è sicuramente la parte migliore dell'Italia, ma è la minoranza. la maggioranza elegge i mafiosi, i nostalgici degli artefici e dei complici dell'olocausto, i campioni della distruzione dell'unità nazionale, gli arroganti, i prepotenti, i maleducati, i ciarlatani, gli imbonitori, i venditori di fumo, e tutto questo è stato possibile grazie all'opera di rimbambimento e di controllo dell'opinione pubblica attuata scientificamente dalla televisione commerciale.
Ce la faremo a resistere? io sono disperata, aiutatemi, vi prego vi prego vi prego...
commento di saragr inviato il 16 aprile 2008
ho provato le stesse cose...purtropp prevale ancora la rabbia, l'amarezza, la delusione!forse ho bisogno di un pò di giorni x metabolizzare...ma credo in Walter e nel PD! non molliamo! ripartiamo da qui e trasformiamo in positivi questi brutti sentimenti! grazie, è bello sapere che siamo in tanti a condividere queste idee!!!
commento di vegan54 inviato il 15 aprile 2008
Ho provato le stesse cose che scrivi, pianto, rabbia, incredulità e senso di impotenza... e non è ancora finita, però per quello che può valere penso che dovremmo cominciare dal fare quelle cose in cui crediamo, quelle cose sane e belle per l'ambiente, per chi non può farcela da solo e dare l'esempio con il conforto di essere in compagnia di altri come noi e poi, poi l'esempio contaminerà senz'altro qualcun'altro (magari all'inizio con un pò di diffidenza) e poi il resto di chi non è ancora tanto marcio dentro da provarci. A volte penso sul serio di andarmene chissà dove (e ci penso seriamente) ma poi che faccio? lascio il paese allo schifo, all'arroganza, all'illegalità? pensiamoci e rimaniamo uniti a ricaricarci la voglia di UN MONDO MIGLIORE!
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork