.
contributo inviato da Federica_Ferrara il 11 aprile 2008
Sono una giovane stagista che per necessità ha dovuto lasciare la sua regione (la Sardegna) e andare a vivere a Milano per poter avere una buona formazione e poter crescere.
Trovo veramente assurdo il fatto che io, non avendo la residenza a Milano, per poter votare e quindi compiere un mio dovere ed esercitare un mio diritto, debba necessariamente tornare a casa non ricevendo alcun tipo di contributo economico da parte del comune o delle compagnie aeree che collega Milano con Cagliari.
Trovo assurdo tutto questo nel momento in cui agli italiani all'estero (in Australia come in America) sia data questa possibilità e non a me che vivo a Milano!! Non pretendo di poter votare per le locali, ma per le nazionali si! Non sarebbe veramente molto più semplice organizzarsi e fare in modo che anche i non residenti possano votare nella città in cui sono domiciliati?? Basterebbe solamente pensarci! So che molte persone, come me, non potranno tornare a casa a votare proprio per questo motivo e lo trovo veramente ingiusto. Non tutti navighiamo nell'oro e non possiamo permetterci di tornare a casa. Credo che tanti studenti o stagisti non pagati come me concordino.
Facciamo qualcosa, per favore! Il mio è un voto perso per il Partito Democratico.
Federica
TAG:  VOTAZIONI  NON RESIDENTI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork