.
contributo inviato da iDeemocratici il 7 aprile 2008

Pochi giorni alla fine della campagna elettorale. Le ultime ore per parlare con quante più persone possibili, spiegare il nostro progetto, il nostro programma e mostrare il nostro sguardo, che è sempre rivolto con convinzione al futuro.
Non so cosa accadrà il 14 aprile ma sono certo che abbiamo segnato un cambiamento storico e che ci apprestiamo ad una fase nuova della politica italiana. Qualcuno rimprovera, in questi giorni, a Walter Veltroni di essere troppo morbido con gli avversari, io invece ritengo che si tratti di uno stile che nel medio periodo pagherà moltissimo.
Con questa sobrietà si parla all'elettorato nella sua interezza perchè gli italiani, che sono ancora un popolo civile, sanno ascoltare chi pone loro una visione politica migliorativa dei loro interessi di cittadini. Alla fine possono anche non essere convinti della bontà delle proposte ma capiscono che da questa parte si sta parlando un linguaggio nuovo, meno cattivo, e questo credo farà la differenza.
La cosa buffa è che noi parliamo di noi stessi e che i nostri avversari fanno la stessa cosa (parlano di noi)! Appunto, nel bene (quando ci presentiamo) e nel male (quando ci denigrano) sempre noi.
Questo significa che facciamo paura e che i nostri avversari sono portatori di una straordinaria pochezza in termini di contenuti. Ho visto ieri militanti del Pdl distribuire volantini con le facce di Fassino, Veltroni, Prodi, Rutelli, Amato, D'Alema ricoperte di epiteti non simpatici e ho avuto la sensazione di una comunicazione vecchia, distonica con il Paese. Si intenda, praticata in passato un po' da tutti (noi non siamo estranei), ma oggi superata perchè fa parte di quella logica "anti" che non risolve più la complessità di questa nostra società.
Noi siamo sempre "per": per un mondo più giusto, per l'ambientalismo del sì, per pagare tutti e pagare meno, per la giustizia rapida, per la sicurezza, per il lavoro stabile, per una scuola che funzioni,... e questa è la nostra grande sfida.
Speriamo che in futuro si battano idee "per", ma siamo fiduciosi perchè il nostro "perismo" sta già cambiando le carte in tavola e ci fa stare sempre al centro di un dibattito maturo.

TAG:  SOBRIETÀ  PER  PD  DENIGRAZIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork