.
contributo inviato da michelemas il 4 aprile 2008

Nel giorno in cui la società "Ergon" di Matera rischia il fallimento, non potendo usufruire da alcuni mesi del collegamento Adsl ad internet, il Corriere della Sera, con Edoardo Segantini, compie un puntale approfondimento sul digital divide e sulla diffusione dell'Adsl e della fibra ottica nella penisola italiana.

Non ne fuoriesce un quadro confortante: 23,2 milioni di italiani, il 33% della popolazione, sono in condizioni di svantaggio digitale; e non si tratta solo della popolazione che vive non nel "profondo Sud", ma anche quella che risiede nel Centro-Nord, in regioni ricche, densamente abitate ed evolute come il Veneto, la Toscana e l' Emilia Romagna. "Più in particolare, si sta creando una realtà che l' Osservatorio definisce delle tre Italie, «dove solo una piccola parte del territorio potrà beneficiare di servizi a banda ultralarga (oltre i 20 Megabit) con all' estremo opposto territori ancora privi del servizio e un' ampia fascia intermedia». Il tutto mentre in alcuni Paesi del mondo, soprattutto asiatici, il dibattito politico e industriale è concentrato su come creare le condizioni per portare 100 Megabit a oltre il 75 per cento della popolazione."

E ci sono moltissime località, come quella in cui io abito, che non  hanno nemeno  la possibilità dell'Adsl.
E' necessario quindi che la Regione Basilicata, che è sempre stata aperta all'introduzione delle nuove tecnologie (vedi "Un computer  in ogni casa" 1 e 2), prendendo esempio da regioni come il Piemonte (che ha speso quindici milioni di euro  con l' obiettivo di portare l' Adsl in 1.050 dei 1.200 Comuni non ancora raggiunti entro la fine del 2008) consenta agli abitanti dei tanti paesi ancora trascurati di connettersi velocemente ad InternetVi consiglio di leggere qui tutto l'articolo.

E sperando che cambi velocemente qualcosa, torno a studiare...

TAG:  DIGITAL DIVIDE  COMUNICAZIONI  INTERNET  ADSL  FIBRA OTTICA 

diffondi 

commenti a questo articolo 4
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
12 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork