.
contributo inviato da Pegasus.dgl il 3 aprile 2008
 

Caro Veltroni,

Un problema molto forte nel nostro paese è la chusura del mondo del lavoro a chi ha superato la soglia dei "40 anni" e non ha ancora un lavoro, o magari l'ha perso....

Come mai in Italia questo problema non viene affrontato attivamente e con massima urgenza?
Nel nostro paese una volta superato i 32 anni, il lavoro diventa una vero e proprio sogno proibito!
Si pensa solo a chi il lavoro c'è l'ha! ma per chi è costretto ad un ozio forzato e perenne...nonostante sia in possesso di forte capacità professionali ed un Curriculum di tutto rispetto non se ne parla nemmeno!!!
Si parla tanto di riforma del Lavoro, di riforma dello Stato Sociale ed invece...sempre la solita minestra!
Tutta l'attenzione va a chi un lavoro c'è l'ha già! Bisogna pensare a tutti coloro che per motivi di età sono totalmente esclusi dal mondo del Lavoro. Creare politiche di inserimento serie, precedenza assoluta agli over 40! come si fà per le categorie protette! creare una vera legge, che dia precedenza a tutti coloro che hanno superato i 40 anni. Oppure se non è possibile dare lavoro a queste persone, visto che sono troppo vecchie per lavorare, creare un salario sociale a chi si trova a vivere una situazione del genere.

Fai in modo che un disoccupato di 40 anni voti per il Partito Democratico!

Forza Veltroni e non deluderci!!!

TAG:  LAVORO  SALARIO SOCIALE  LIMITI DI ETÀ  OVER 40 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Pegasus.dgl inviato il 4 aprile 2008
Che significa Formazione permanente per un disoccupato di 42 anni! che di corsi di Formazione ne ha fatto 10 è il lavoro non c'è?
commento di FabioPancrazi inviato il 3 aprile 2008
DIRITTI NON BENEFICENZA
Walter, stai sparando l'ennesima cazzata: il buono spesa da 50 euro al mese!
Spero tu lo faccia per convincere i poveri di mente che fotograferanno il proprio voto in cabina per farlo vedere a chi fuori gli darà 50 euro brevi manu! "Io ve ne do 50 al mese!"
Perchè dovrei pagarli sempre io, lavoratore dipendente, unico pagatore di tasse in Italia. Per giunta quasi al limite del reddito per il quale dovrei sempre dare e mai avere.
Attenti, non va bene per niente. Ricordati il PAGARE MENO PAGARE TUTTI. Un esempio? Il Regno Unito: tre sole aliquote, 10% sui primi 3.000 euro di reddito, 22% fino ai 50.000 e 40% oltre. Con tante spese deducibili dal reddito imponibile anche per un controllo incrociato tra i contribuenti. Più soldi in tasca a tutti i lavoratori dipendenti (pagando meno, il 22%) ed i ricchi non dovrebbero piangere con l'aliquota massima al 40%.
Il resto sono prese in giro che non sopporto più!
Fabio Pancrazi, Sansepolcro (Arezzo)
commento di STELLA SENZA CIELO inviato il 3 aprile 2008
Se non sei qualificato professionalmente, per il mondo del lavoro, sei vecchio anche a 20 anni.
Invece di sovvenzionare a fondo perso la disoccupazione investiamo in formazione permanente e obbligatoria che riqualifichi il lavoratore e lo reinserisca nel mondo del lavoro.
Se nasci contadino non è detto che devi arare i campi per tutta la vita.
commento di redazionepd inviato il 3 aprile 2008
Caro democratico,
proprio perchè siamo sensibili a questo problema nel nostro programma c'è l'introduzione della Formazione permanente.
Essa serve a garantire la continuità dell’occupazione, con la tutela del reddito in caso di disoccupazione e con un sistema efficiente di servizi per il reimpiego.
Per ogni altra informazione non esitare a contattarci!
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
24 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork