.
contributo inviato da rosty84 il 14 marzo 2008
"Io, orgogliosa di mio nonno e non sono antifascista", queste sono le parole di Alessandra Mussolini candidata del PdL. A me sembra sempre più un partito di destra che uno di centro-destra sto PdL.
Ciarrapico che fa saluti romani a destra e a manca, la Mussolini orgogliosa del nonno, siamo veramente alla frutta. Questi signori dimenticano alcuni piccoli particolari come le leggi razziali.
Spero che la PdL non vinca, altrimenti ci potrebbe capitare di sentire al posto dell'inno di Mameli, faccetta nera.
Forza Walter pensaci tu, altrimenti dobbiamo iniziare a comprare tutti camicie nere. 
TAG:  MUSSOLINI  CIARRAPICO  DESTRA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Francio_84 inviato il 15 marzo 2008
Tutti dovrebbero essere almeno un po' preoccupati, o almeno non indifferenti, da tutto questo: prelati, intellettuali, politici, cittadini... noi innanzitutto. Mi sbaglierò, ma io non ho letto nulla di anticlericale in Brontolo635. Non fa' notizia vedere che stanno zitti quelli che di solito stanno zitti; fa' riflettere vedere che stanno zitti quelli che di solito mettono una parola su TUTTO, su ogni aspetto della morale, della vita, e anche della politica.

Leonidas, dici che il problema non è della Chiesa ma dei simpatizzanti PdL che non si indignano: sai quanti ferventi cattolici e anche preti e organizzazioni cattoliche includi dicendo "simpatizzanti Pdl"? In questo caso una parolina chiara di uno di quegli alti prelati che ad ogni tg pontifica sulla morale e sulla buona politica non sarebbe utile a far riflettere qualche coscienza (non dico a fargli cambiare voto)? Detto questo sono d'accordo con te che non serve "fare flame" e che la Chiesa c'entra poco o niente con questa storia, ma neanche venir tacciati di anticlericalismo per un'osservazione come questa... siamo un partito laico, plurale e democratico, no? Possiamo parlare liberamente di tutto e confrontarci senza tabù, è la nostra forza!

Brontolo: la precaria del tg2 è di An e verrà candidata nel Pdl per il comune di Roma. Cioè, hanno chiamato una militante (poi candidata) del PdL a fare domande "scomode" a Berlusconi, ti rendi conto?
commento di Brontolo635 inviato il 14 marzo 2008
Caro leonidas, non ho tirato in mezzo la chiesa, ma coloro della chiesa che parlano ad ogni piè sospinto…e dimenticano quando si parla di democrazia, del nostro passato, di quello che è stato il fascismo, sono d’accordo sugli intellettuali che sono sopiti in questo momento i politici dei schieramenti avversi usano tutto il possibile per ridimensionare il PD, e degli italiani che non ricordano o non vogliono ricordare, ma se la risposta dopo l’ultima battuta di berlusconi “sposati un ricco” è stata da parte della stessa donna, laureata, precaria, “forse lo voto” tutto può passare come una battuta come una normale verve di simpatia. Comunque ho sortito l’effetto incavolato o no hai commentato. Grazie
commento di Leonidas inviato il 14 marzo 2008
Mi spieghi come diavolo fai a tirare in mezzo la Chiesa persino sulle scemenze che dice Berlusconi? Il compito di parlare sarebbe degli intellettuali in primis, dei politici, dei tribunali (è reato, per Diana!!!), casomai dell'Anti Defamation League. Qui l'anticlericalismo ci sta come un cavolo a merenda. Non serve fare "flame" così. Non si aiuta certo la causa.

Io credo che il problema sia degli italiani. Quelli del suo partito, o simpatizzanti, non sono neppure sfiorati dal sospetto che ci si debba indignare. Se la base è, e lo sta dimostrando ampiamente, ai livelli di bassezza del suo leader, le nostre parole sono "voce di uno che grida nel deserto". Hai voglia a spiegare a quegli zucconi che il fascismo non è un'idea come un'altra, ma un regime colpevole di esecrandi crimini, che candidare qualcuno perché "ha i giornali" non è democrazia, e non c'è niente di lodevole nella "sincerità" di Berlusconi (dicono anche questo, sì, che lui è stato sincero, come se fosse meno grave commettere consapevolmente e apertamente un crimine, casomai il contrario), che le donne non sono ornamenti per milionari e che hanno diritto a lavorare (il bello è sentire accese femministe dire "era solo una battuta").
commento di Brontolo635 inviato il 14 marzo 2008
ma no! E' solo una battuta, saimo noi che non capiamo nulla eppoi garantisce lui anche per la mussolini come per ciarrapico. In fin dei conti non contano nulla, servono solo a vincere. Mi meraviglio dopo la risposta di berluscono al presidente del PPE che nessuno abbia poi rimmarcato. ma sopratutto mi chiedo dove sono gli intelletuali, gli antifascisti, tutto questo non può essere liquidato sempre con una battuta, e anche se mi troverò degli stali a questa mia affermazione dove sono i prelati che non perdono tempo a parlare di gay, matrimoni omosex, pari diritti per le copie di fatto, facendo sentire senza naturalmente schierarsi il loro peso...sull'apologia del fascismi non diconi nulla, quelle morti quella dittatura antisemita, contro i "diversi".....è foese meno attuale degli anatemi sulla 194 sulla pillola ru.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork