.
contributo inviato da valeriopieroni il 12 marzo 2008
(Apcom) - Sono stare archiviate le accuse per il viceministro dell'Economia Vincenzo Visco, indagato per tentato abuso d'ufficio e minacce in seguito a quanto denunciato dall'ex comandante generale della Guardia di finanza Roberto Speciale. Il presidente aggiunto dei Gip di Roma, Antonino Stipo, ha definitivamente accolto la richiesta della Procura che per la seconda volta aveva rinnovato la richiesta di archiviazione. A questa decisione si erano opposti i legali di Speciale.


Ebbene si, amici. Il Gip ha dato ragione a Vincenzo Visco e gli ha quindi archiviato la denuncia del generale Speciale.

Quindi per dieci lunghi mesi Vincenzo Visco è stato infangato. E' stato calunniato. E' stato oggetto del peggior linciaggio mediatico organizzato a scopi politici da quella coalizione pseudo-libertaria che risponde al nome di Popolo delle libertà.

Dieci lunghi mesi che a Visco gli sono costati la rinuncia alla ricandidatura, dopo il buon lavoro fatto contro l’evasione fiscale. Dieci lunghi mesi utilizzati per colpire il Governo di centrosinistra. Quindi il nemico di sempre. Il nemico numero uno di Berlusconi: Romano Prodi. Dieci lunghi mesi di indagini inutili. Lo avevo detto: era un disegno politico. Oggi è evidente a tutti che avevo ragione.

Quindi fiumi di denaro pubblico sono stati buttati nell'indegno tentativo di condizionare l'opinione pubblica e la vita politica. E' una vergogna tutta italiana. E come al solito nessuno pagherà. Per dieci lunghi mesi in Italia è completamente mancato lo Stato di diritto.
TAG:  VISCO  SPECIALE  GUARDIA DI FINANZIA  ARCHIVIAZIONE  LINCIAGGIO MEDIATICO  CALUNNIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 5
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
5 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork