.
contributo inviato da sergio47 il 4 marzo 2008
Certo: Veltroni ha scelto la pacatezza e l'educazione di chi è sicuro di sé: le cattiverie , le volgarità e il livore dell'avversario, se li fa scivolare addosso e cammina spedito come un treno:  Ogni tanto però è giusto mostrare anche i"denti" a chi crede di sapere e potere tutto. Lo stile, nella vita si può anche acquisire, la classe no, la classe è innata o ce l'hai o non la imparerai mai. Cosa è il populismo e la tattica demagogica di Berlusconi se non l'atteggiamento di chi mira a conquistarsi il favore popolare attraverso proposte di facile presa? Veltroni non ha bisogno di urlare, di essere squallido nelle espressioni e gesticolare per essere ascoltato, perché lui giunge  non solo agli orecchi della gente, ma certamente ne tocca anche il cuore. Non sono  l'intensità della voce o l'istrionismo dell'oratore,   l'ostentazione, l'enfasi e le simulazioni per diventare d'improvviso credibili. La calma è solo dei forti!
Non c'è bisogno di trasformarsi in  torrente impetuoso e cascata: a lui bastano la trasparenza, l'onestà intellettuale, la dignità, la limpidezza delle sue proposte e la gioia e la felicità con cui "abbraccia"tutte le piazze che sta visitando e con lo stesso calore è abbracciato dalla folla di ogni età. Lui dona serenità e speranza vera e convinta.
Ed anche se non dovesse vincere, arriverà al traguardo sudato, stanco ma,  pulito, puro e con un'ondata di novità che non sarà stata vana!
TAG:  CLASSE  DIGNITA'  ONESTA' 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
18 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork